Pescara, uccide la madre e confessa: “Non volevo che soffrisse ancora”

Sandro Buoiocchi di 51 anni è stato arrestato oggi a Pescara. Ha confessato di aver ucciso la madre di 74 anni “per porre fine alle sue sofferenze” ed è stato arrestato per omicidio volontario aggravato. Buoiocchi ha iniettato alla donna, malata da tempo, 15 fiale di eparina la mattina di Natale e due giorni dopo ha tentato il suicidio ingerendo una massiccia dose di farmaci, ma è stato salvato in tempo.
È poi stato ricoverato in Psichiatria, dove è stato effettuato l’interrogatorio di convalida dell’arresto.

a-assassinobis

La signora aveva 74 anni

La vittima dell’omicidio si chiamava Lucia Zafenza ed era da tempo a letto per una grave malattia. L’hanno trovata morta a casa sua, in via Cristoforo Colombo a Pescara.

Sono state ritrovate anche dei bigliettini scritti dall’assassino che dichiara insostenibile la sua situazione, visto che il fratello Francesco era ipovedente e la sorella sordomuta. Insomma un peso tanto grande da portare Sandro alla follia.

“Non mi ritenevo capace di uccidere mia madre”, ha detto agli investigatori, ma il peggio intanto era già accaduto.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto