Cosa mangeremo fra 20 anni? Ve lo insegna un Master

“Social dinner”,” food experience”: termini ormai entrati nel nostro vocabolario comunicano un nuovo modo di intendere il cibo. Dall’orto a distanza, al conosciuto “Km 0” fino alle community sul food o alle stampanti 3D. Il futuro del food è ormai prossimo.

aaaaagiulia

Un Master all’Università di Modena, Reggio e Bologna

L’alimentazione sta cambiando e il “Food Innovator” sta arrivando, grazie al nuovo Master in Food Innovation promosso da Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Institute For The Future di Palo Alto e Future Food Institute di Bologna, dedicato a studenti italiani e internazionali.

 

Iscrizioni aperte dal 15 dicembre

Partirà a marzo 2015 per finire a novembre e le iscrizioni saranno aperte dal 15 dicembre e termineranno il 30 gennaio 2015. L’ammissione avverrà per titoli e ogni candidato dovrà fornire curriculum, un video e una lettera motivazionale.

Il Master avrà il contributo di docenti di fama internazionale come Caleb Harper founder del progetto MITCityFarm, opinion leader ed imprenditori di successo provenienti da tutto il mondo e che oggi rappresentano i maggiori esperti in tema di cibo e innovazione.

Tecnologie per l’agricoltura

Tra i temi caldi: le tecnologie per plasmare l’agricoltura, la distribuzione alimentare, la vendita al dettaglio e il consumo con particolare riguardo alla sicurezza degli alimenti, la socialità e il controllo, il tutto secondo le linee individuate dalla mappa Seeds of distruptions dell’Institute For The Future di Palo Alto con l’obiettivo di diffondere e sviluppare innovazioni radicali.

 

L’officucina con prototipi innovatici

Il Master sarà caratterizzato da una parte teorica realizzata al Food Innovation Space nel cuore di Reggio Emilia, mentre una seconda fase – della durata di cinque mesi – si baserà su laboratori nell’”officucina”, un maker space creato ad hoc per il Food Innovation Program, in cui verranno creati prototipi innovativi di prodotti o servizi richiesti dalle aziende partner. Per cinque mesi gli studenti, la cittadinanza e le imprese saranno coinvolti in laboratori all’interno di Expo, contribuendo all’innovazione dei grandi temi proposti.

Per informazioni:

Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria – DISMI
Via Amendola 2 – Pad. Morselli
42122 Reggio Emilia (RE)
e/o
Food Innovation Space
Via Spallanzani 1,
42122 Reggio Emilia (RE)

dt@unimore.it
0522/522094

LINK – www.foodinnovationprogram.org

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto