“Addio papà, morto mentre fumavi, bevevi e dicevi bugie”

A una lettura superficiale, sembra un rimbrotto. “Il capitano Donald Alexander Malcolm Jr, 60 anni, è morto mentre fumava, beveva whiskey e diceva bugie. Il cancro allo stomaco ha avuto un ruolo minore”. Invece Megan, la figlia dell’uomo morto, ha deciso di rifiutare gli stereotipi e di dire addio al padre volendo ricordare l’uomo per com’era, compresi la “storia d’amore con Patsy Cline, la birra Rainier, l’insalata iceberg e History Channel (per cui si sentiva libero di chiamare sua moglie e le sue figlie ogni giorno per raccontargli le ultime cose che aveva imparato sulla Seconda Guerra Mondiale)”.

Su Facebook: “È difficile, ma è un’iniezione di buonumore”

Alla fine “è morto per complicazioni date dalla sua testardaggine, dall’ostinazione a non voler andare dal dottore e dalle imprecazioni, perpetrati in sei decenni”. Per rendere l’originale omaggio al padre scomparso, Megan ha pubblicato un necrologio su un giornale locale e poi ha ripreso il messaggio d’addio su Facebook, divenendo un fenomeno mondiale fin da quando è stata notata dal Daily Mail. Nulla però di cui compiacersi. “È stata la cosa più difficile che io abbia mai fatto e non lo auguro a nessuno”, ha scritto sul più celebre dei social network. “Ma spero che abbia funzionato come un’iniezione di buonumore in una situazione terribile. Spero che vi abbia fatto sorridere e ricordare che uomo incredibile fosse. Era assolutamente il migliore e ci mancherà”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto