Bossetti ai funerali del padre: “Senza genitori non si è nessuno” (video)

Funerali blindati a Terno d’Isola per il padre di Massimo Bossetti, Giovanni, morto a 73 anni il giorno di Natale. L’uomo, unico imputato per l’omicidio di Yara Gambirasio, è arrivato scortato dagli agenti della polizia penitenziaria verso le 9.40 di questa mattina, 29 dicembre, ed è stato fatto entrare nella chiesa parrocchiale di San Vittore Martire da un ingresso posteriore. Schermate dal cordone di agenti le telecamere e le macchine fotografiche dei giornalisti mentre dalle 8 carabinieri in borghese hanno tenuto a distanza la stampa.

Guardie private per la famiglia

La famiglia di Bossetti ha ingaggiato anche guardie private per garantire la riservatezza della funzione funebre a cui hanno partecipato la moglie Ester Arzuffi e la figlia Laura Letizia, gemella di Massimo, con il loro avvocato, Benedetto Maria Bonomo. Presenti anche la moglie di Massimo Bossetti, Marita Comi, e il cognato, Fabio Bossetti.

aaaabossetti

Il discorso: “Papà, la tua perdita è incolmabile”

Una volta in chiesa, il carpentiere si è seduto tra la madre e una guardia non riuscendo a reprimere la commozione, sfociata in pianto a più riprese. Nel corso della cerimonia, è salito anche sull’altare per dire alcune parole in memoria del genitore legittimo: “Papà, questa tua perdita ha lasciato in tutti noi un vuoto incolmabile, un dolore nel dolore. Si può avere tutto nella vita. Si possono avere una moglie, dei figli, sorelle, fratelli. Ma quando mancano i genitori, non si è più nessuno”. Alla fine ha abbracciato la madre, la moglie e a sua gemella prima di essere riportato nel carcere di Bergamo.

Bossetti domani sarà ai funerali del padre, il sì della Corte d’Assise: le notizie del 28 dicembre

Massimo Bossetti sarà ai funerali del padre legittimo Giovanni. Lo ha deciso la Corte d’Assise di Bergamo, presieduta da Antonella Bertoja, autorizzando così il detenuto, imputato dell’omicidio della tredicenne Yara Gambirasio, a partecipare alle esequie e al corteo funebre del genitore, morto a 73 anni il giorno di Natale, che si terranno a Terno d’Isola a partire dalle 10 di domani, martedì 29 dicembre. Al lavoro anche la questura di Bergamo per prevenire eventuali problemi di ordine pubblico.

Già 40 minuti trascorsi alla camera ardente

Già domenica Bossetti aveva ottenuto l’ok a recarsi all’hospice di Bergamo dove era stata allestita la camera ardente. Si era trattenuto una quarantina di minuti con la madre Ester e la sorella gemella Laura Letizia. Qui il detenuto è esploso in un pianto a dirotto, segno del legame affettivo tra i due, nonostante l’inchiesta sulla morte della ragazzina di Brembate avesse evidenziato con Massimo non era figlio biologico di Giovanni. Il suo vero padre, infatti, era Giuseppe Guerinoni, un autista di autobus di Gorno morto nel 1999.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto