Il segreto della longevità: godersi la vita, lo attesta la scienza

Il segreto per una vita lunga e sana potrebbe essere quello di imparare a godersela, cosa che però una persona su quattro non fa. A mettere in relazione la capacità di trarre sensazioni di benessere dalle situazioni della vita con una diminuzione del rischio di morte, è uno studio condotto da ricercatori della University College di Londra, nel Regno Unito.

a-longevi02

Ricerca su oltre 9.000 persone

La nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Bmj, ha incluso 9.365 adulti inglesi con un’età media di 63 anni. I partecipanti sono stati chiamati a rispondere per tre volte a intervalli di 2 anni, tra 2002 e 2006, a questionari in cui dovevano valutare se ritenevano di provare queste sensazioni: “Mi piacciono le cose che faccio”, “Mi piace stare in compagnia di altri”, “Se guardo indietro alla mia vita provo un senso di felicità”, “Mi sento pieno di energia in questi giorni”.

a-longevi03

Il periodo di follow up

La tendenza a una mancanza di risposte positive a queste affermazione è stata riportata da 2.264 partecipanti, pari al 24 per cento: praticamente una persona su 4 non provava soddisfazione rispetto alle situazioni della propria vita. Durante il periodo di follow up, durato fino al 2013, ci sono stati 1.310 morti.

I riflessi di sensazioni di gioia

Il tasso di mortalità è stato progressivamente più alto tra gli individui che avevano riportato un minor numero di occasioni di gioia. A esser più propense a godere delle situazioni risultavano essere le donne, così come i partecipanti che erano sposati o conviventi, impiegati, ben istruiti, più ricchi e più giovani. “Questi risultati”, concludono i ricercatori, “documentano un’associazione dose-risposta tra la mortalità e i livelli di benessere provati nel corso degli anni”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto