Fidatevi dei ritardatari: sono più intelligenti e creativi

Avete un’amica perennemente in ritardo sia che si tratti di andare al cinema o a cena che di trovarsi per un importante appuntamento di lavoro? Non colpevolizzatela perché aveve sotto mano un tesoro senza saperlo.

Una recente ricerca avrebbe infatti dimostrato che i ritardatari cronici, quelli cioè realmente incapaci di arrivare puntuali anche agli avvenimenti più importanti, in realtà sono persone maggiormente creative ed ottimiste rispetto a chi spacca il secondo. Lo studio – rilanciato dalla Newsletter riservata da Sky ai suoi abbonati – ha evidenziato “che le persone ritardatarie hanno un modo di intendere la vita più rilassato degli altri e questo comporterebbe, quindi, una loro maggior predisposizione all’essere creativi.”

E sono anche più ottimisti

E non è tutto, perché la ricerca ha sottolineato anche che chi non riesce ad essere puntuale affronta la vita con maggiore ottimismo degli altri. Sembrerebbe infatti che sia proprio per un’eccessiva fiducia in se stessi e nel mondo che i ritardatari non riescano ad arrivare in orario agli appuntamenti: credono di avere a disposizione più tempo. Non considerano quindi eventuali imprevisti o rallentamenti, ma credono che tutto andrà per il verso giusto, affrontando di conseguenza la vita in modo più disinvolto e sereno.

a-afilmverdone

I “Viaggi di nozze” di Verdone

Ovviamente fra il comportamento puntiglioso del Furio raccontato da Carlo Verdone nel suo film “Viaggi di nozze” (nella foto qui sopra un’immagine) e chi proprio non riesce a non arrivare mai puntuale, ci sono molte vie di mezzo. Perché se è vero che i ritardatari sono più creativi e, svela lo studio, anche più produttivi (sono generalmente persone maggiormente entusiaste e multitasking rispetto a chi è troppo schematico); è altrettanto vero che far attendere sempre gli altri è sinonimo di maleducazione. Quindi, senza perdere il sorriso e la propria “natura”, basta organizzarsi un po’, cercando di valutare ogni tanto anche eventuali imprevisti.

Un trucco per gli appuntamenti

E per chi è puntuale e frequenta amiche creative, ottimiste, ma cronicamente ritardatarie come può regolarsi? Il trucco è sempre lo stesso: dare l’appuntamento almeno 30 minuti prima! Ma il “vero” ritardatario, prima o poi, vi sgama e arriverà “puntualmente” dopo un’ora…

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto