Afa e temporali nel weekend: poi saranno 41 gradi al Centro-Nord

Dalla padella alla brace con la quinta ondata di caldo. È quello che sembra prospettarsi, a livello meteorologico, per l’Italia a partire da lunedì 31 luglio e soprattutto dal 1° agosto. Se l’anticiclone africano Caronte ha portato caldo intenso e punte di 40 gradi diffusi al Sud, oltre alle conseguenze di incendi e siccità, ora sarà Lucifero, temibile fronte di alta pressione africana che infuocherà l’Italia. I 40 gradi si potrebbero toccare anche al Centro e al Nord. E l’analisi degli esperti del sito ilmeteo.it.

Le previsioni del fine settimana

Già nella giornata di oggi, venerdì 28 luglio, le temperature iniziano a lievitare con i 35 gradi sull’Alto Adriatico e ancora più intenso sarà l’aumento domani, sabato 29. Sempre domani nuvolosità variabile sul Nord con possibili temperali prima sulle Alpi e poi sulle pianure occidentali. Nel corso delle notte i rovesci si estenderanno anche su quelle orientali. Poi, da domenica 30 luglio, al via il surriscaldamento.

I picchi previsti

Se già nel corso del weekend le temperature inizieranno ad aumentare grazie a Caronte, con Lucifero queste schizzeranno ancora più in alto. La bolla calda africana che sarà diretta proprio verso l’Italia, riuscirà a portare le temperature massime fino a 41 gradi al Centro e al Nord, poi il caldo infernale si porterà anche al Sud. Roma potrebbero sfiorare i 39 gradi, come Firenze e molte città del Centro. Bologna proverà a superare i 41 gradi, come Rovigo, Ferrara e molte località della Pianura Padana centro-orientale.

Continuerà la siccità

Con Lucifero il tempo si presenterà ampiamente soleggiato, molto caldo, afoso e le precipitazioni sembrano esser relegate soltanto ai settori alpini, e sotto forma di temporali pomeridiani. In queste condizioni la siccità – si legge – si aggraverà ulteriormente su tutte le regioni.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto