Bologna: uccide la mamma a coltellate e si lancia nel vuoto, ma si salva

Un uomo di 51 anni, Gabriele Galletti, ha ucciso a coltellate a Bologna, in via Koch, nel quartiere di Borgo Panigale, l’anziana madre Vilelma Pulga, di 89 anni, poi ha tentato di togliersi la vita buttandosi da una finestra del secondo piano. Nonostante il volo dalla palazzina, l’uomo, un bidello all’università di Bologna che viveva con entrambi i genitori, si è salvato e ora si trova ricoverato e piantonato all’Ospedale Maggiore dove non si trova in pericolo di vita: precipitato di schiena, la caduta sarebbe stata attutita da uno stendibiancheria. Sul posto è intervenuta la polizia.

L’allarme dato dai vicini di casa

Il dramma si è consumato questa mattina. Intorno alle 8.45 è giunta una chiamata alla polizia. A farla alcuni vicini di casa che hanno avvertito un tondo: era il corpo Galletti che cadeva a terra. Nell’abitazione, oltre all’anziana assassinata, dalle prime informazioni c’era anche il padre del cinquantunenne, un anziano di 94 anni in precarie condizioni di salute. Sul posto è giunto il pubblico ministero di turno, Antonella Scandellari, mentre il procuratore aggiunto Valter Giovannini ha detto che “si stanno cercando di capire i motivi del gesto”.

L’omicidio compiuto con un coltello da cucina

Per il momento si sa che l’uomo aveva dormito con il padre dati i postumi di un intervento chirurgico subito di recente dalla donna che, da sola, avrebbe potuto riposarsi meglio. Al risveglio, tuttavia, qualcosa è accaduto perché Galletti avrebbe afferrato un coltello da cucina colpendo poi la madre. Il corpo di Vilelma Pulga era riverso vicino alla finestra con varie ferite. Quella all’apparenza mortale sarebbe stata inferta al collo. Esclusi per adesso motivi economici alla base del delitto.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto