Italia-Spagna 2-0: share record per Rai e Sky (78%), quasi 18 milioni di tifosi davanti alla tv

Uno share del 78% e quasi 18 milioni di telespettatori. L’Italia di Antonio Conte vola in Francia raggiungendo i quarti di finale di Euro 2016 grazie alla vittoria per 2-0 sulla Spagna, ma a sorridere sono anche gli ascolti. L’ottavo di finale Italia-Spagna, giocato ieri alle 18, ha totalizzato su Rai1 in termini di Share il 64,14% e più di 14 milioni di spettatori (14.330.000 spettatori per la precisione). A twittare per primo i risultati in termini di ascolti è stato il direttore di Rai Uno Andrea Fabiano.

aaatweetpartita

I numeri di Sky

Ma per la partita degli Azzurri contro la Spagna, terminata 2 a 0 grazie alle reti di Chiellini e Pellè, anche Sky è andata alla grande: Sky Sport ha raccolto infatti 2.663.932 spettatori medi, con l’11,92% di share e 3.460.755 spettatori unici. Il picco di spettatori è stato registrato alle 19.48, al momento del secondo gol azzurro di Graziano Pellè, seguito su Sky da 3.029.209 spettatori medi, mentre il picco di share è stato registrato alle 18.34, in occasione del primo gol firmato da Giorgio Chiellini, con il 12,421%.

Record anche per il post partita

Infine il post partita, dalle 20, fa segnare il nuovo record assoluto per uno studio su Sky con 1.350.606 spettatori medi, con il 5,8% di share e 2.592.443 spettatori unici, superando il risultato del primo post partita dell’Italia a Euro 2016 dello scorso 13 giugno.

Italia-Spagna 2-0, gli azzurri sabato troveranno la Germania ai quarti (ore 21)

Gli azzurri sono ai quarti degli Europei di Francia. Ha battuto la favoritissima Spagna con un 2-0 che avrebbe potuto essere anche più cospicuo, viste le occasioni avute daglim azzurri. Il secondo gol arriva al 90°. Pellé, lanciato da Insigne e da Darmian entrati negli ultimi minuti al posto di Florenzi e Eder, segna il secondo – meritatissimo – gol. Poco prima era stato Gigi Buffon a salvare il risultato con un paio di egregie parate.

L’Italia ai quarti troverà la Germania, per un’altra mitica partita, che ha tanta storia alle spalle. Magnifica Italia, stasera. Bravo Conte a indovinare tutte le mosse. Nello Stade de France risuona il po-po-po-po dei mondiali vinti in Germania.

aa-ital

I quarti con la Germania di Loew sabato 2 luglio

L’Italia ora lascia Parigi, perché i quarti di finale contro la Germania di Loew – campione del mondo in Brasile – si giocheranno a Bordeaux. Appuntamento il 2 luglio alle ore 21.

Era iniziata sotto un diluvio

Dopo un diluvio che si è abbattuto sullo stadio di Parigi nei primi 20 minuti e dopo un ottimo inizio degli azzurri, l’Italia è in vantaggio sulla Spagna al 32° del primo tempo. L’azione nasce da un fallo su Pellé (già protagonista di un’ottima azione sventata da De Gea in precedenza).

A battere dal limite dell’area ci va Eder, dopo un fitto conclilibolo con Giaccherni e Chiellini. Tiro forte e teso di Eder che il portiere spagnolo non trattiene. Arrivano sulla ribattuta Giaccherini e Giorgio Chiellini ed è quest’ultimo a buttare il pallone dentro la rete.

aa-ita

Al 36° Italia-Spagna 1-0, vantaggio meritato dalla squadra di Conte che finora ha giocato meglio degli spagnoli. E, infatti, al 45° c’è anche un’altra occasione gol per gli azzurri. Stavolta di Giaccherini, che indirizza il pallone all’incrocio dei pali. Ma De Gea – alla sua seconda parata decisiva stasera – sventa. Tutti negli spogliatoi. Conti finora può essere contento, si è vista un’ottima Italia.

È il big match degli ottavi di finale

È senza dubbio il big match di questi ottavi di finale. La fase ad eliminazione diretta di Euro 2016 già presenta quella che, per molti, sarebbe potuta essere una sfida da titolo. Intanto ieri sono già passate ai quarti Francia, Germania e Belgio. Nelle ultime ore Conte è rimasto con un solo dubbio: al posto di Candreva, De Sciglio o Darmian? Ma un’ora prima dell’ingresso in campo il dubbio è stato sciolto (e pubblicato anche sulla pagina Facebook della nazionale): gioca De Sciglio.

aa-azzurri

Un pacco sospetto sulla via dello stadio

Intanto, a poche ore dal fischio d’inizio, è stato avvistato un pacco sospetto, nei pressi di uno scooter. Chiuso l’accesso a Saint Denis. Sul luogo sono accorsi gli artificieri della polizia francese (nella foto sotto).

aa-denis

4 anni dopo una finale da incubo

Italia-Spagna arriva 4 anni dopo la finale dell’Europeo di Polonia e Ucraina. Quella volta finì male: 4-0 per gli iberici. Malissimo insomma. Ma le aspettative erano alte, dopo che nel girone con gli stessi spagnoli, l’Italia aveva fatto una gara da encomio, ottenendo un pareggio per 1-1 giocando un calcio brillante. Questa volta? Lo sapremo domani attorno alle 20,30, chi sarà tra le due compagini a ottenere il pass per i quarti di finale.

Si inizierà alle 18 allo Stade de France di Parigi… Diretta tv su Rai e Sky e altissimi ascolti da mettere in preventivo: chi aveva appuntamenti li ha disdetti fino alle ultime ore. Ieri sera a Parigi nella tradizionale conferenza stampa della vigilia di Conte e Buffon, il Ct ha ribadito che “la Spagna è forte, ma se la squadra italiana è unita, può batterla. Se usiamo la ragione perdiamo, dobbiamo puntare su altre risorse perché non voglio tornare a casa”. Nel grafico le formazioni delle due squadre, seocndo l’Agenzia Ansa.

aa-formazioneg

Out Candreva, dentro Florenzi
L’avversario è il peggiore che potesse capitare. Forte, esperto, abituato a certi tipi di sfide, tecnico. La cosa che consola è che, magari, anche in terra iberica si fa lo stesso tipo di pensiero. Giocare con l’Italia, col blasone della nostra nazionale, con la storia vincente del Bel Paese è sempre dura. Ma dal punto di vista tecnico, siamo indietro, e anche di tanto. A complicarci la vita si è messo anche l’inguine di Candreva, con una contrattura che sembrava risolvibile fino a qualche giorno fa, invece, oggi è stato confermato che il talento della Lazio non ci sarà.

Al suo posto, sulla destra, quasi sicuramente giocherà Florenzi. Flebili le possibilità di vedere o De Sciglio (che è in ballottaggio anche sulla sinistra con Darmian) o Bernardeschi (reduce dalla tremenda gara con l’Irlanda).

aa-iniesta

Iniesta maestro d’orchestra della Spagna
La Spagna? Le note positive, per noi, sono due: arriva col morale basso, dopo aver perso gara e testa del girone negli ultimi minuti della sfida con la Croazia e ha una difesa che mai come quest’anno sta regalando “occasioni”. La premiata ditta De Gea-Sergio Ramos sta combinando pasticci fin dalla prima partita contro la Repubblica Ceca.

Il portiere del Manchester sembra la brutta copia di quello visto durante la stagione e il centrale del Real sembra “svagato” e poco concentrato. Le note liete per noi finiscono qui. Il resto è composto dal talento diffuso in tutti i reparti, dal celebre tiki-taka inventato proprio nella terra di Re Filippo VI. Il regista di tutto questa tessitura di passaggi, quello che da il là alla manovra con giocate geniali è senza alcun dubbio Iniesta, pericolo numero uno e giocatore dal talento cristallino (nella foto qui sopra). Fermare lui vorrebbe dire fermare la fluidità del gioco spagnolo. Come se fosse facile…

aa-alessandro

Difesa solida e ripartenze per battere gli iberici

Le armi per battere gli spagnoli le conosciamo. Serve una difesa solida, punto di forza della nostra nazionale, e ripartenze veloci. Questi capovolgimenti sono mancati nelle ultime due gare del girone. La coppia d’attacco dovrà essere brava a far salire la squadra e ad aggredire lo spazio. La scelta dovrebbe ricadere su Eder e Pellè, gli stessi che hanno iniziato le sfide con Belgio e Svezia. Corsa, dinamismo e acume tattico. Spirito da provinciale saranno le armi di cui dovremo disporre. La mentalità da vincenti Conte sta cercando di inculcarla nel gruppo, che sembra coeso e forte. Bisogna solo sperare che questo basterà…

aa-delbosco

Probabili formazioni

Italia (3-5-2): Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Florenzi (nella foto sopra), Giaccherini, De Rossi, Parolo, Darmian, Pellè e Eder. Allenatore Conte (nella foto in apertura)

Spagna (4-3-1-2): De Gea, Juanfran, Piquè, Sergio Ramos, Jordi Alba, Iniesta, Busquets, Fabregas, David Silva, Nolitoe  Morata. Allenatore Del Bosque (nella foto qui sopra).

aa-turco

Arbitra il turco Cakir

Sarà il turco Cuneyt Cakir (nella foto sopra) ad arbitrare Italia-Spagna, gara degli ottavi di finale di Euro 2016 in programma lunedì a Parigi. Lo ha appena ufficializzato l’Uefa. I guardalinee saranno i connazionali Bahattin Duran e Tarik Ongun, gli addizionali Huseyin Gocek e Baris Simsek; inglese, invece, il quarto uomo, Martin Atkinson.

 

La Francia sofffre, ma poi batte l’Irlanda e approda ai quarti

Clamoroso agli europei. La Francia padrona di casa rischia l’eliminazione da parte dell’Irlanda, visto che la fine del primo tempo la vede sotto per 1-0. I “galletti” sono in svantaggio per un rigore assegnato al 2° minuto del primo tempo per un fallo del “gioiello” della Juve e della nazionale Pogba. Il tiro dal dischetto è assegnato senza esitazione dall’arbitro italiano Rizzoli e trasformato da Brady. Quello assegnato dall’arbitro bolognese è il rigore più veloce della storia degli europei a partire dal 1960. L’allenatore della nazionale francese, Didier Dechamps, spera – come tutti i francesi – nel secondo tempo. E al 57° può trarre conforto dalla rete del pareggio segnata dal giocatore dell’Atletico Madrid, Antoine Griezmann.

aa-gris

Quattro minuti dopo la Francia passa in vantaggio, ancora con Griezmann (nella foto sopra) che realizza così una doppietta. Al 61° Francia-Irlanda 2-1. Piove sul bagnato, con l’imprendibile Griezmann, che viene atterrato ali limite dell’area irlandese. Ma il fallo da ultimo uomo di Duffy su di lui riduce l’Irlanda in dieci a meno di 30 minuti dalla fine. Finisce con la Francia che approda ai quarti, dopo un primo tempo da incubo e con l’Irlanda eliminata, dopo un buon primo tempo

aa-pogba

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto