Meteo: oggi tanta pioggia, neve sulle Alpi, a Capodanno temperature in rialzo

Meteo: cambiano le carte in tavola dopo Santo Stefano. Il peggioramento più significativo è atteso per oggi, mercoledì 27 dicembre, quando un intenso sistema perturbato sarà accompagnato da un deciso rinforzo dei venti meridionali e da precipitazioni anche abbonanti (soprattutto sulle aree alpine e prealpine e sul versante tirrenico della penisola). Giovedì i venti freddi che seguono la perturbazione determineranno un momentaneo calo delle temperature in tutto il Paese. A ridosso del Capodanno si prospetta – invece – al momento una fase temporaneamente più stabile e con temperature in rialzo.

Oggi e domani: le previsioni

27 dicembre – Al Nord, cielo coperto con precipitazioni via via più diffuse, ma generalmente di debole entità e comunque nevose sopra i 7/800 metri. Migliora dalla sera a partire dal Nord-Ovest. Al Centro, coperto ovunque con piogge e temporali. Precipitazioni forti o molto forti sul Lazio. Neve diffusa in Appennino sopra i 1200 metri. Al Sud, peggiora in Campania e poi Sicilia con piogge e locali temporali. Più asciutto sul resto delle regioni.

28 dicembre – Il tempo migliora. Le precipitazioni riguarderanno principalmente Campania, Calabria tirrenica, occasionali sul resto del Sud, deboli in Sardegna, possibili sul Lazio. Altrove, cielo sereno.

VENTI – Soffieranno dai quadranti occidentali, quindi di Ponente e anche di Libeccio. Intensi sul mar Ligure. Da giovedì si dispongono di Maestrale.

TEMPERATURE – Valori massimi stazionari su tutte le regioni, minime in aumento di qualche grado.

Tanta neve sulle Alpi mercoledì 27 dicembre

domani sono previste abbondanti nevicate sulle Alpi, in particolare su quelle centro-orientali con neve oltre 800-1200 metri, “più in basso tra Piemonte e Lombardia occidentale – spiega 3bmeteo – con fiocchi in collina sul varesotto e fino al fondovalle sull’alto Piemonte.

Previsti accumuli anche di mezzo metro di neve fresca dai 1.400-1.500 metri dalla Lombardia al Friuli. Neve anche in Appennino, inizialmente dai 1.300-1.700 metri, ma giovedì la quota sarà in sensibile calo, fin verso i 300-600 metri su dorsale centrale, 700-1.100 metri su quella meridionale”.

Natale senza neve: le previsioni precedenti

Delusione meteo a Natale, ma solo per chi ama la neve. Infatti i due giorni più significativi del mese di dicembre – ossia Natale e Santo Stefano – saranno caratterizzati dalla presenza dell’alta pressione.

Ecco l’analisi degli esperti del sito ilmeteo.it:

25 DICEMBRE – Anticiclone sull’Italia, ma correnti più umide di Libeccio interessano il mar Ligure e l’alto Tirreno. Più nubi saranno presenti su tutto il Nord e le regioni centrali tirreniche e in Umbria, ma con scarse precipitazioni, se non deboli e sparse, segnatamente su Liguria e alta Toscana. Sul resto delle regioni il tempo sarà buono con cielo poco o parzialmente nuvoloso. Possibili nebbie, localmente diffuse sulla Pianura padana e in Toscana.

26 DICEMBRE – Cielo coperto al Nord e al Centro con precipitazioni, deboli sulle regioni tirreniche, occasionali al Nord-Est, moderate o forti in Liguria, moderate al Nord-Ovest. Peggiora sulla Sardegna occidentale con temporali, infine anche sulla Campania con piovaschi. Sole sul resto del Sud. Neve sulle Alpi sopra gli 800 metri circa, in Appennino dai 1300 metri.

 

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto