Cina: dal 1° gennaio si possono avere 2 figli, salve migliaia di bimbe

Rivoluzione nella politica delle nasciste in Cina. L’Assemblea Nazionale del popolo, organo legislativo cinese, ha adottato oggi la legge, attesa dallo scorso ottobre, che autorizza le coppie ad avere due figli, chiudendo così la lunga stagione dell’obbligo del figlio unico, che è durata 35 anni. Lo scrive il sito della Nuova Cina. La nuova norma entrerà in vigore dal 1° gennaio 2016.

Con il secondo figlio in Cina altri 30 milioni di lavoratori 

aaaabambine

Le figlie femmine finora sacrificate

La nuova legge inciderà anche sul fenomeno dell’aborto selettivo, attraverso il quale – In Cina e non solo – venivano sacrificate migliaia di bambine, come documento questo articolo di Consumatrici.it.

 

Una legge contro il terrorismo

L’Assemblea Nazionale del popolo, inoltre, ha adottato oggi all’unanimità la prima legge anti-terrorismo del Paese per affrontare il terrorismo in patria e contribuire alla sicurezza mondiale. Prima d’ora, la Cina non aveva una legge specifica: il terrorismo ricadeva nell’ambito generico di leggi sul crimine e procedura penale e di emergenza.

E una contro le violenze domestiche

L’Assembllea infine ha approvato a maggioranza la prima legge contro le violenze domestiche che conferisce protezione legale alle vittime di abusi tradizionalmente tenuti sotto silenzio. Lo riferisce il sito dell’agenzia Nuova Cina.

La nuova norma definisce formalmente le violenze domestiche – fisiche, verbali e di limitazione delle libertà – e snellisce le procedure per ottenere ordini restrittivi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto