Guccini: in vendita il supercofanetto “Se io avessi previsto tutto questo” (video)

Un’intera carriera è raccolta in “Se io avessi previsto tutto questo-Gli amici, la strada, le canzoni” (Universal), in uscita a partire da oggi venerdì 27 novembre.

Si tratta di una vera e propria “enciclopedia”, un’opera monumentale, attraverso inediti riscoperti, rarità, duetti, collaborazioni, live mai pubblicati, in versione deluxe (4 cd) e super deluxe (10 cd).

Nella versione deluxe si trova scontato on line a partire da 95,20 euro.

Ecco il video dell’Avvelenata (“Se io avessi previsto tutto questo”):

 

In vedita c’è anche il libro Un matrimonio, un funerale, per non parlar del gatto

 

Prima del cofanetto, che racchiude 40 anni di carriera e che uscirà il 27 novembre, da ieri – martedì 3 novembre – Francesco Guccini è in libreria con un nuovo romanzo: “Un matrimonio, un funerale, per non parlar del gatto” (Mondadori). Il libro costa 15 euro, ma scontato si trova anche a 12,75, mentre è disponibile in versione e-book a 6,99 euro.

aaaagatto

La sintesi del nuovo romanzo

La libreriauniversitaria.it presenta così la sintesi del romanzo di Guccini: “Da dietro il crinale della collina si vede arrivare il piccolo corteo, preceduto dal suonatore di fisarmonica e dal mescitore di vino. Lo sposo e la sposa sono in cammino dall’alba, raggiungeranno la chiesa non proprio freschissimi e poi, dopo la cerimonia, riprenderanno la strada insieme agli altri, di nuovo per mulattiere, pronti a godersi un pranzo e una cena con l’appetito rinvigorito dalla scarpinata.

Un matrimonio oggi inimmaginabile, che era perfettamente normale quando il piccolo Francesco Guccini vi prendeva parte, portando in dono agli sposi un dono veramente prezioso…

 

Il funerale del mitico Gigi dell’Orbo, sarto sempre ubriaco

E ancora: “Il funerale del mitico Gigi dell’Orbo, il sarto sempre ubriaco, il tenore lirico appassionato di ciclismo, la contadina poetessa, l’uomo che era convinto di dover reggere il cielo e tante altre ‘istantanee’, colme di ironia e appena velate di malinconia, di un tempo andato che non ritornerà. Qualche volta, tra queste pagine, la pellicola della memoria dell’autore resta impressionata da figure sfuggenti, sornione come gatti, dolci come il ricordo di chi se n’è andato, o forse un po’ beffarde come fantasmi…

Questi racconti sono un viaggio attraverso il tempo e i registri narrativi, e riportano in vita per noi esistenze minime, destinate a essere dimenticate se non giungessero le parole a rievocarle”.

 

 

 

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto