Treni, sciopero fino alle 18: “Si temono disagi per i pendolari”

Trenitalia ha garantito la circolazione delle Frecce “mentre sono possibili cancellazioni e limitazioni di percorrenza per alcuni Intercity ed Eurocity” e sulla tratta Milano-Bologna salta il 50% dei collegamenti. Problemi si stanno riscontrando anche altrove, dove le società ferroviarie hanno annunciato “disagi per i pendolari”. Sono 2 giornate di disagi per lo sciopero nazionale del trasporto ferroviario indetto per ieri, 26 novembre, e oggi, 27. L’astensione dal lavoro, che riguarda i dipendenti di Trenitalia e Trenord (qui l’elenco dei servizi garantiti), è iniziata alle 21 di ieri sera e proseguirà fino alle 18. A proclamare lo sciopero le organizzazione autonome di Lavoro privato dell’USB, Cub Trasporti e Cat Esecutivo Nazionale.

A rischio servizio passeggeri e cargo

In quelle ore a incrociare le braccia non saranno solo i lavoratori dei servizi passeggeri, ma anche quelli cargo. A far scattare la protesta – spiega una nota Cub Trasporti e Cat – “i progetti di privatizzazione, svendita e smembramento del comparto Fs”, la sicurezza sul lavoro, la riforma Fornero e “il vergognoso Testo unico sulla rappresentanza” sindacale.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto