Paestum: ritrovati a Campione dai carabinieri 5 affreschi bellissimi e rari

Cinque affreschi, rari e bellissimi, che rivestivano una tomba campano-sannitica risalente al 300 a.C., sono stati ritrovati dal Comando carabinieri Tutela patrimonio culturale dopo essere stati trafugati a Paestum.

Si tratta di opere – come ha spiegato il Generale Mariano Mossa, comandante del nucleo Tpc – che “valgono oltre un milione di euro”.

Alla stessa cifra sono stati infatti “acquistati” dai tombaroli che li avevano trafugati. L’acquisto è avvenuto in buona fede da parte di un cittadino elvetico che li aveva e conservati in un deposito a Campione d’Italia, dove sono stati ritrovati e sottoposti a sequestro dal Tribunale di Roma nel maggio 2015. Ma solo ieri ne è stato dato l’annuncio.

Cosa c’è sugli affreschi

Si tratta di parti affrescate di una tomba-sannitico campana del IV-III sec.a.C. Le lastre, una delle quali ritrae un giovane eroe armato di scudo e giavellotti che conduce per le briglie un mulo con un carico sulla groppa e un cagnolino, provengono dall’area archeologica di Paestum.

aaatomba02

Affreschi presentati dall’Arma

Ulteriori particolari sonostati comunicati dai carabinieri ieri durante la presentazione della mostra “L’Arma custode della memoria” alla presenza del ministro di Beni culturali e turismo Dario Franceschini, del comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette e del neo direttore del parco archeologico di Paestum, Gabriel Zuchtriegel, che si è dichiarato -c ome ovvio – felicissimo del ritrovamento. Il ministro ha dichiarato che gli affreshci, finita la mostra, saranno riconsegnati aalla cittadina campana da cui provengono.

aaatomba03

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto