Addio a Lucia Ottobrini, la partigiana romana più odiata da Kappler

Dopo un malore di alcuni giorni fa, si è spenta all’età di 91 anni all’ospedale San Raffaele di Rocca di Papa Lucia Ottobrini, protagonista insieme al marito Mario Fiorentini (insieme nella foto sopra) della Resistenza romana. La donna era originaria dell’Alsazia e parlava la lingua tedesca. Per questo a Roma, durante l’occupazione, era ritenuta la gappista più odiata da Kappler.

Fu tra ideatrici dell’attentato di via Rasella

Insieme al marito e a storici protagonisti della Resistenza romana, come Rosario Bentivegna e Carla Capponi, aveva ideato l’attentato di Via Rasella, quello per il quale scattò per mano nazifascista la rappresaglia delle Fosse ardeatine. Lucia Ottobrini e Mario Fiorentini avevano festeggiato pochi mesi fa 70 anni di matrimonio e di Resistenza. Negli decenni la donna è stata pluridecorata per i meriti durante la guerra.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto