Livorno: “Fai sesso con me e ti faccio assumere”, nei guai un maresciallo dei cc

Favori sessuali in cambio di controlli meno rigorosi ai loro negozi. Le accuse sono per un maresciallo dei carabinieri, Federico Dati, che aveva fatto pressioni anche per l’assunzione di una commessa precaria a cui aveva rivolto le stesse richieste. Il militare, a lungo comandante del nucleo carabinieri dell’Ispettorato del lavoro di Livorno, è stato trasferito prima di essere arrestato con cinque accuse, tra cui concussione, tentata concussione e falso, oltre ad aver richiesto sconti eccessivi.

“Sistematica strumentalizzazione dei poteri”

L’inchiesta, coordinata dai pubblici ministeri Fiorenza Marrara e Giuseppe Rizzo e condotta dai colleghi del carabiniere incriminato, è partita l’estate scorsa, scrive il Tirreno, dopo l’arrivo delle prime denunce. In precedenza erano arrivati esposti anonimi. Sei le donne che hanno raccontato delle richieste del militare. “Le indagini”, hanno spiegato gli inquirenti, ipotizzano la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto