La Polstrada: +20% i giovani morti sulla strada (distratti dagli smartphone)

L’incidente tragico in provincia di Taranto, avvenuto verso le 8 di ieri mattina, sulla via Appia tra Castellaneta e Laterza, ha aperto la via a una nuova riflessione. Secondo la Polstrada nel 2016 è cresciuto del 20% il numero dlele giovani vittime- E c’è anche un’ipotesi – non necessariamnete racordata a quanto accaduto ieri: gli smartphone provocano troppe distrazioni a chi guida.

 

La tragedia di ieri mattina in Puglia
L’incidente è avvenuto in prossimità dello svincolo per Laterza. Due auto si sono scontrate frontalmente per cause in corso di accertamento e l’impatto è stato devastante. A perdere la vita, a quanto si è appreso, cinque giovani che viaggiavano sulla stessa vettura e un automobilista che pare stesse rientrando dal lavoro e che poi si  accertato essere un operaio di Laterza che lavorava all’Ilva. Il tragico schianto è avvenuto nel territorio di Laterza (indicato sotto dalla cartina di Google Map).

Sul posto mezzi del 118, carabinieri e Polizia locale.

 

I nomi delle vittime della Opel

Sulla Opel viaggiavano Maria Rosaria Fiore, infermiera; Vincenzo Gallo, che aveva una lavanderia industriale nel centro della città, Angelo Ancona, un falegname; Marisa Lorusso, commessa; Milena Giannulli che lavorava con il padre in un negozio che vende coppe e targhe. L’operaio dell’Ilva che viaggiava sull’altra auto si chiamava Ippolito Galli, 33 anni, di Laterza.

aa-cartina

Il lutto cittadino a Altamura

Il sindaco di Altamura, Giacinto Forte, ha proclamato il lutto cittadino e il funerale dei giovani sarà probabilmente celebrato per tutti e cinque nella piazza principale del comune barese.

“È una tragedia immane, sono sconvolto”: ha dichiato all’Agenzia Ansa Giacinto Forte, sindaco di Altamura (Bari), la città dove risiedevano con le loro famiglie i cinque giovani morti nell’incidente stradale avvenuto sulla strada statale 7 ‘Appia’ tra Castellaneta e Matera, in corrispondenza dello svincolo per Laterza (Taranto).

“Stiamo predisponendo il lutto cittadino e abbiamo annullato tutte le attività previste oggi dall’Amministrazione comunale”, afferma il sindaco che sta raggiungendo l’obitorio di Castellaneta (Taranto) dove si trovano i corpi di tre vittime, e poi proseguirà per Ginosa (Taranto), dove sono state trasportate le altre tre salme. “La dinamica dell’incidente – aggiunge il sindaco – non è ancora chiara, è tutto da verificare: è un giorno davvero molto molto doloroso per la nostra comunità”.

 

Polstrada,+20% vittime giovani nel primi 5 mesi del 2016 

Nei primi cinque mesi del 2016 le vittime di incidenti stradali mortali nella fascia d’età fino a 30 anni sono aumentate del 20%, in particolare sulla viabilità ordinaria. Lo sottolinea il direttore della Polizia Stradale Giuseppe Bisogno, secondo cui “la causa di questo aumento va individuata principalmente nell’uso dello smartphone mentre si guida. Non a caso – aggiunge – nei primi sei mesi di quest’anno le infrazioni per uso del cellulare senza auricolare sono aumentate del 20%”. Non si sa se questo esempio è collegabile allo schianto di ieri notte.

 

I cinque ragazzi andavano al mare

Si è appreso che le vittime sono tre ragazzi e due ragazze, originari di Bari e di Altamura, di età compresa tra i 27 e i 28 anni, che viaggiavano sulla Opel Corsa e che erano diretti al mare. Il nome dell’operaio è l’unico che finora è stato diffuso. Si tratta di  Ippolito Galli, 33 anni, di Laterza.

aa-cartina

Lo schianto tra un’Opel e una Volkswagen
Sarebbe stata la prima auto, l’Opel con tutti e cinque i ragazzi a bordo, secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri, a sbandare per cause non ancora accertate, scontrandosi con il guard rail prima di invadere la corsia opposta e impattare frontalmente con la berlina guidata dall’operaio dell’Ilva. Sul luogo dell’incidente si sono recati i familiari della giovani vittime per i riconoscimenti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto