Storica stretta di mano fra le Coree, anche le first lady alla cena di gala (video)

Storico incontro con ampie foto che documentano il nuovo clima politico, fino a poche settimane fa avvelenatissimo, fra le due Coree.

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha detto che non rovinerà più il sonno del presidente sudcoreano Moon Jae-in a causa del lancio di missili balistici, quale effetto dello stop ai test nucleari e balistici annunciato la scorsa settimana. E’ quanto ha riferito Yoon Young-chan, portavoce dell’Ufficio presidenziale di Seul in un briefing coi media trasmesso da Arirang Tv. “Non interromperò più il sonno del primo mattino”, ha affermato Kim rivolgendosi a Moon.

IL VIDEO DELL’INCONTRO SUL CONFINE

Comunicheranno insieme i risultati del vertice

Moon Jae-in e Kim Jong-un comunicheranno insieme i risultati del summit in corso quando saranno raggiunti gli accordi: lo ha anticipato il portavoce presidenziale Yoon Young-chan in un briefing con la stampa trasmesso da Arirang Tv.

Denuclearizzare la penisola coreana

I due leader hanno avuto “discussioni serie e franche sui modi per arrivare alla denuclearizzazione della penisola coreana, per stabilire una pace permanente e per sviluppare le relazioni Sud-Nord”. I negoziati continueranno nel pomeriggio.

Un pino in segno di pace

I leader delle due Coree, Moon Jae-in e Kim Jong-un, hanno anche piantato un pino a sud del confine di Panmunjom, simbolo dei migliori auspici per la penisola, scoprendo una roccia su cui sono scolpiti i nomi dei leader e la frase “qui piantiamo pace e prosperità”.

Alla base dell’albero, germogliato nel 1953, alla fine della Guerra di Corea, i leader hanno sistemato il terreno del monte Halla nell’isola di Jeju e del monte Paektu, i punti più a Sud e a Nord della penisola. Sul pino è stata poi versata acqua dei fiumi Han di Seul e Taedong di Pyongyang.

 

Anche le due first lady alla cena

È stata poi confermata la notizia che la first lady nordcoreana Ri Sol-ju (nella foto qui sopra con Kim) parteciperà alla cena offerta dai leader delle due Coree Moon Jae-in e Kim Jong-un alla chiusura del summit in corso al villaggio di Panmunjom, il terzo dopo quelli del 2000 e del 2007.

Lo ha detto il portavoce della presidenza di Seul, Yoon Young-chan, sciogliendo uno dei punti più incerti alla vigilia. Anche la presenza della first lady sudcoreana Kim Jung-sook è quindi sicura. La svolta è interpretata come un segnale positivo e una prova della buona intesa personale raggiunta tra i leader.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto