Molinari dal 1° gennaio dirige La Stampa, condirettore Russo, vice Gramellini

“Maurizio Molinari è stato nominato direttore de La Stampa e direttore editoriale di Itedi, Massimo Russo è condirettore e Massimo Gramellini, vicedirettore, è stato nominato direttore creativo di Itedi”. Il “cambio al vertice” avverrà a partire dal 1° gennaio 2016, anticipando – quindi – l’analogo mutamento a Repubblica.

La decisione è stata presa dal consiglio di amministrazione di Itedi, riunito nel pomeriggio odierno a Torino, a seguito delle dimissioni di Mario Calabresi, per oltre 6 anni direttore del quotidiano di casa Fiat.

La nota della società informa che Calabresi lascerà il giornale il 31 dicembre. Il consiglio d’amministrazione presieduto dal presidente John Elkann “ha ringraziato Mario Calabresi per i risultati conseguiti e per l’impegno profuso negli oltre sei anni di direzione della testata, formulando i migliori auguri per la prosecuzione della sua carriera”.

Così l’annuncio su La Stampa on line.

aaaaannuncio

Nella foto in basso, nell’ordine da sinistra: Molinari, Russo e Gramellini. Nella foto grande: Molinari quando era corrispondente de La Stampa a New York.

aaaatrio

 

Ezio Mauro lascia Repubblica il 14 gennaio

Ezio Mauro, direttore di La Repubblica, lascerà la direzione del quotidiano il 14 gennaio 2016. Lo ha annunciato ieri, 25 novembre, durante la riunione di redazione. Una direzione lunghissima, quasi ventennale, quella di Mauro: era infatti il 6 maggio 1996 quando subentrò al fondatore Eugenio Scalfari.

Ma c’è anche una voluta coincidenza: il 14 gennaio di 40 anni fa usciì in edicola, infatti, il primo numero di Repubblica, quello fondato e diretto da Eugenio Scalfari. Mauro lascerebbe, quindi, a 40 anni di distanza dalla fondazione del quotidiano.

A questo punto c’è un posto libero – e non da poco, quello da direttore – a La Stampa. Le ultime voci accreditano per l’incarico Maurizio Molinari, corrispondente dle quotidiano torinese da Gerusalemme, ma in gara c’è anche il giornalista-scrittore Massimo Gramellini, tutti i giorni in prima pagina con la direzione di Calabresi.

 

aaaacalabresi

Questo il comunicato del Cda del gruppo che ufficializza il passaggio di testimone:  “Ezio Mauro, direttore di Repubblica ha maturato la decisione di lasciare la direzione del giornale, dopo averlo guidato con successo per vent’anni”.

Ezio Mauro – continua il comunicato ufficiale – “resterà in carica fino al prossimo 14 gennaio, data del quarantesimo anniversario della testata, per poi proseguire il suo prezioso lavoro giornalistico nel Gruppo”. Il consiglio di amministrazione, riunitosi in data odierna, gli ha espresso – informa la nota – “profonda gratitudine per aver saputo garantire al giornale, in questo lungo e difficile periodo, un ruolo di primo piano nel panorama della stampa italiana e internazionale per indipendenza, autorevolezza e innovazione”.

 

Dal 15 gennaio Repubblica in mano a Calabresi

Il Consiglio di amministrazione ha quindi designato all’unanimità, quale nuovo direttore con decorrenza 15 gennaio 2016, Mario Calabresi, attuale direttore dellaStampa, “figura di primo piano del nostro giornalismo, cresciuto all’interno di Repubblica, ove ha ricoperto i ruoli di caporedattore centrale e di corrispondente da New York”. Il consiglio di amministrazione ha formulato a Mario Calabresi “i migliori auguri di buon lavoro”

 

Il nome di Calabresi già circolava in mattinata

Già qualche anno fa si parlò di un addio di Ezio Mauro o, per lo meno, di un periodo sabbatico che tuttavia non c’è mai stato. Ancora nessuna conferma sul nome su chi prenderà al suo posto alla guida del quotidiano anche se già circola quello di Mario Calabresi, 45 anni, attualmente direttore del quotidiano La Stampa (nella foto qui sopra).

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto