M5S, Lombardi contro tutti: “Di Battista e Di Maio non sono leader”

È una sfida tutta al femminile, quella che si combatte all’interno del Movimento 5 Stelle. Sul banco degli “imputati”, c’è sempre lei, la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che alla festa di Palermo ha raccolto ovazioni pubbliche e bacchettate private.

a-raggipalermo

Sugli scranni degli inquisitori, invece, il trio in rosa di Roberta Lombardi, Carla Ruocco e Paola Taverna (nella foto sotto) che la prima cittadina della capitale proprio non ce la volevano sul palco siciliano.

a-inquisitrici

Le inquisitrici ascoltano in silenzio

Non si sono smentite alla kermesse del Movimento, dove non hanno risparmiato silenzi e sguardi rancorosi alla collega Raggi. Ma hanno assistito, sempre mute, alle ramanzine dei vertici pentastellati, in primis di Beppe Grillo, ma anche di Davide Casaleggio e di Rocco Casalino, il comunicatore che viene dal Grande fratello. “Se pensi che sia giusto, fai quello che credi, sei tu il sindaco”, le hanno detto a proposito della conferma della fiducia all’assessore all’Ambiente indagata, Paola Muraro.

a-lombardi

“A Roma M5S e sindaca su due strade diverse”

La pasionaria Roberta Lombardi (nella foto sopra), il giorno dopo Italia a 5 Stelle, torna a prendere la parola per dire che a “a Roma c’è il Movimento 5 Stelle e c’è il sindaco di Roma, sono su due strade diverse. Per ora procedono su binari paralleli: speriamo che prima o poi le due strade si incontrino e finiscano per coincidere”.

a-portavoce

“Direttorio sciolto? Non mi risulta”

A proposito dello scioglimento del direttorio da parte di Grillo, risponde che “non mi risulta” mentre in merito ai compiti degli altri vertici pentastellati ha le idee piuttosto chiare: “Ognuno di noi sa fare bene delle cose. È il metodo di Beppe, quello di assegnare a ciascuno un compito, magari senza neanche un incarico ufficiale. Di Maio e Di Battista, sono bravi a comunicare ed è giusto che vadano in tv. Ma non hanno un ruolo politico”. Come a dire che non sono affatto dei leader.

a-m5sgruppo

La Raggi salta nella foto di gruppi

Ma non è finita qui perché Grillo, autoproclamatosi di nuovo leader del Movimento a scapito del direttorio, ha aggiunto subito dopo: “Basta impresentabili. E cerca di farti conoscere. Noi non siamo come gli altri, comunichiamo, condividiamo”. Sarà un caso quindi che sia saltata la foto di gruppo con Virginia Raggi e gli altri vertici a 5 stelle? Di certo c’è l’ennesima staffilata: “Virginia, vai avanti, ma esci da questa continua logica dell’emergenza: devi dare dei segnali, basta errori”.

a-grillinidance

Fine serata a ballare come ai tempi di De Michelis

A kermesse di Palermo finita e salutato Grillo che all’una di notte se ne va a letto, lo stato maggiore dei 5 Stelle se ne va a ballare al Kalhesa (anche stavolta senza Virginia Raggi). Eccoli lì, dunque, tutti più rilassati, con Luigi Di Maio che commenta: “Ci sarà lo strip tease? Stasera l’ho già fatto, ho tolto la giacca”. Birra in mano, revival anni Ottanta e piroett a cui partecipano anche Carlo Sibilia e Alessandro Di Battista con la sua maglietta che inneggia al no per il referendum costituzionale.

a-grillinidance2

Di Maio: “Vogliamo solo rilassarci”

A chi fa notare loro che la scena sembra uscire direttamente da qualche decennio prima, quando l’allora ministro Gianni De Michelis se la godeva facendo le ore piccole, risponde ancora Di Maio: “Macché, vogliamo solo rilassarci un po’ dopo due giornate politicamente importanti”. Infine, tutti a cantare “Lui chi è” sulle note di Renato Zero.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto