Genova: un uomo di 62 anni uccide un padre e un figlio per una bella ragazza

La lite, secondo quanto riferito alla polizia dai testimoni, sarebbe avvenuta verso le 21 di ieri sera a causa di un apprezzamento che Walter Lamberti (27 anni) aveva fatto a una ragazza.
La sparatoria è avvenuta davanti a un bar-tavola calda Risveglio 77 (nella foto) sul lungomare di Pegli.

Due i morti: il padre Adriano Lamberti (51 anni) e il figlio Walter. Il primo è morto sul posto, l’altro, ferito gravemente all’addome, è poi deceduto all’ospedale Villa Scassi, dove era stato trasportato. I due sono italiani di etnia sinti.

Il killer, che era entrato nel locale accompagnato da due giovani donne, una delle quali ha provocato il commento finito in tragedia, è stato fermato con l’accusa di duplice omicidio. Secondo quanto si apprende l’uomo – una cinquantina d’anni, vestito di nero –  avrebbe anche confessato.

L’assassino, che ha confessato, si chiama Salvatore Maio, è un pregiudicato di 62 anni.

 

Identificato grzie a una Seat grigia

Aveva lasciato la sua auto, una Seat grigia, davanti al locale e Lascia davanti al locale e, grazie alla vettura, la polizia lo ha identificato in un paio d’ore e lo ha catturato catturato a Pra’, a casa di un familiare.

 

Ha cercato di difendere il figlio
La sparatoria si sarebbe verificata al termine di una lite durante la quale il padre ha cercato di difendere il figlio.
Le due vittime erano residenti al Cep di Genova. Secondo le prime testimonianze, i due avrebbero litigato con l’uomo fuori dal locale Questi avrebbe estratto una pistola e avrebbe sparato prima al padre e poi al figlio prima di scappare a piedi.

La polizia ha trovato l’auto con la quale l’assassino è giunto sul posto

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto