Renzi: “80 euro per la polizia, 500 per chi compie 18 anni nel 2016”

La risposta al terrore è non solo nel rafforzamento delle misure di sicurezza, ma anche in una battaglia culturale. Lo dice il premier Matteo Renzi dalla sala degli Orazi e Curiazi del Campidoglio. Renzi annuncia una serie di misure per far fronte alle nuove esigenze di sicurezza dettate dal momento storico che stiamo vivendo.

Il premier ha anche annunciato che “i 550.000 italiani che compiono diciotto anni nel 2016 potranno usufruire di una carta, un bonus di 500 euro a testa per poter partecipare a iniziative culturali”. Si palra di cinema, libri e eventi culturali in genere.

 

2 miliardi in Finanziaria tra Sicurezza e Cultura

Così il bonus di 80 euro per i dipendenti sarà esteso alle forze dell’ordine e nella Finanziaria verranno spostati 2 miliardi e investiti in sicurezza ma anche in cultura.

“Ciò che è accaduto a Parigi – aggiunge il premier – ha segnato un salto di qualità nella battaglia culturale che stiamo vivendo: sono stati scelti obiettivi comuni, i simbolo di una generazione che ha conosciuto solo la pace e la libertà”. “Immaginano il terrore, noi rispondiamo con la cultura”, afferma.

“Rischiamo – sottolinea il premier – che i fatti di Parigi lascino l’Europa come vittima collaterale”. Renzi  rimarca che sta parlando dal Campidoglio “un luogo storico per la città di Roma ma non soltanto, per l’Italia e per l’Europa intera”.

 

Più fondi messi a disposizione

Il governo proporrà nel prosieguo della legge stabilità di spostare, come già inizialmente previsto, al 2017 la diminuzione dell’Ires, ma impiegheremo 2 miliardi di euro per dare una risposta ai professionisti della sicurezza e dell’educazione. Un miliardo in sicurezza, uno nell’identità culturale”.

Poi il presidente del Consiglioentra nel concreto: “Estensione del bonus degli 80 euro per tutte le donne e gli uomini che lavorano con le forze dell’ordine, a chi sta sulla strada”.

“Cinquecento milioni di euro per la difesa italiana, con investimenti efficaci finalizzati a dare una risposta immediata alle esigenze strategiche, non a quelle quotidiane e organizzative. Siamo orgogliosi dei nostri militari non faremo mai mancare il nostro sostegno”. “Un investimento di 150 milioni di euro sulla cibersecurity e 50 milioni di euro per migliorare la strumentazione delle forze dell’ordine a fronte di chiarezza e riorganizzazione”. E ancora: “Un investimento di 150 milioni di euro sulla cibersecurity e 50 milioni di euro per migliorare la strumentazione delle forze dell’ordine a fronte di chiarezza e riorganizzazione”.

 

Cinquecento milioni anche alle periferie

“Cinquecento milioni alle città metropolitane per un intervento sulle periferie di riabilitazione e, come direbbe Renzo Piano, rammendo”.

“I progetti – sottolinea il premier – dovranno essere presentati entro il 31 dicembre e spesi nell’anno solare 2017”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto