Pantani: fu la camorra a farlo squalificare al Giro del ’99

C’è una intercettazione che potrebbe riscrivere la storia del Giro d’Italia e del ciclismo italiano. Il Giro è quello del 1999:La data che potrebbe diventare “storica” è il 5 giugno 1999, quando Marco Pantani fu estromesso nel momento in cui aveva già stravinto la corsa rosa, per colpa del suo valore di ematocrito (51,9) oltre la soglia consentita (50).

La notizia clamorosa è stata lanciata in serata dalla Gazzetta dello Sport.

 

aaascattopantan

La “confessione” del camorrista

La novità nasce da una “confessione” involontaria da parte di un affiliato alla camorra: la criminalità organizzata avrebbe pianificato e portato a termine l’esclusione del Pirata dalla corsa rosa per colpa delle puntate che erano state fatte sulla sua vittoria.

In realtà c’era un vortice di scommesse clandestine miliardarie con il romagnolo vincente e il “banco” lo teneva la camorra, che ci avrebbe rimesso – a quel punto – l’osso del collo. Insomma, per evitare un buco finanziario il clan che gestiva il banco delle puntate sul Giro 1999 decise che Pantani non doveva arrivare a Milano.

 

La camorra riuscì a farlo cacciare

E la camorra riuscì a farlo cacciare dal Giro, forse trovando altre sponde. Questo è almeno quello che sostiene il camorrista tenuto in Campania sotto osservazione per altre indagini, che non c’entrano nulla con il ciclismo. Questo potrebbe portare a una svolta l’inchiesta, riaperta da un anno dalla Procura di Forlì, sui fatti di Campiglio e anche a riscrivere – come si diceva all’inizio – la storia di un campione “maledetto” e del ciclismo italiano.

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto