Unioni civili, alle 19 il voto sul maxi-emendamento

Accordo fatto. Ora c’è anche il timbro del presidente del consiglio, Matteo Renzi, sull’intesa. “Habemus, l’emendamento è scritto molto bene, ora aspettiamo la bollinatura”, ha detto il senatore del Pd Andrea Marcucci.

“L’accordo sulle unioni civili è un fatto storico per l’Italia. È davvero #lavoltabuona”, commenta Renzi su twitter l’intesa.

L’emendamento, che definisce il ddl sulle unioni civili, recepisce, a quanto si apprende da fonti parlamentari, il ddl Cirinnà salvo lo stralcio della stepchild adoption, ovvero l’articolo 5, e l’eliminazione dell’obbligo di fedeltà, contenuto nell’articolo 3.

 

Alle 19 la “prima chiama” a Palazzo Madama

Oggi è previsto il voto in Senato. Soltanto alle 19 la “prima chiama”. In tarda serata l’Italia potrebbe avere per la prima volta una legge sulle Unioni civili. Almeno per quanto riguarda il Senato. Poi il provvedimento dovrà andare alla Camera. “Subito”, ha detto ieri Matteo Renzi.

aaaaaaarenzi

Lo stralcio delle adozioni e l’assenza della “fedeltà”

“Lo stralcio della stepchild adoption non è sufficiente, va evitata qualsiasi equiparazione tra unioni civili e matrimonio”. Parola del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin (nella foto sotto), che così si è espressa durante l’incontro del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con i pazienti e il personale della Fondazione Santa Lucia. Slitta a stasera (non prima delle 19) la presentazione del maxi-emendamento che toglie le adozioni con la maggioranza che sta ancora lavorando sul testo (la conferenza dei capigruppo è stata fissata un po’ a sorpresa alle 18).

Intanto arriva un altro segnale che la legge pende, sempre più, verso le pressioni del Vaticano: il maxi-emendamento – secondo quanto sostengono fonti vicine alla maggioranza – sarebbe a buon punto. Ma nel testo da una parte verrebbe mantenuto il riferimento alla “vita familiare”, come dal vecchio articolo 3, ma dall’altra verrebbe stralciato “l’obbligo alla fedeltà”, per non farlo somigliare a un vero e proprio matrimonio. Un compromesso dopo l’altro, insomma.

aaaalorenzin

Michela Marzano: “Pronta a lasciare il Pd”

Ma nel Pd si respira aria di rivolta. La deputata del Pd, la filosofa e scrittrice Michela Marzano (nell’immagine sotto) minaccia: “Resterò coerente con quanto ho sempre detto. Nel momento in cui si dovesse approvare una legge senza la stepchild adoption, una legge che non sarebbe degna di questo nome, tirerò le conseguenze e molto probabilmente lascerò il Partito democratico”. Intervenendo a Studio24 di Rainews24 ha aggiunto: “Porterò avanti alla Camera la battaglia per reintrodurre la stepchild adoption”.

SONY DSC

Unioni civili, domani al Senato si dovrebbe votare il maxi-emendamento

Intanto le unioni civili si avvicinano al voto decisivo a Palazzo Madama, dopo il sì del gruppo dei senatori del Pd che si dice favorevole al maxi-emendamento proposto dal governo senza la “stepchild”. L’emendamento dovrebbe essere presentato oggi al Senato e votato domani, giovedì 25 febbraio.

aaaaalfano

Soddisfatto Alfano, ma dice prudente: “Vediamo il testo”

Lo stralcio della stepchild adoption, secondo il ministro del Ncd, Angelino Alfano (nella foto qui sopra) “è un risultato di straordinaria importanza. Sul resto vediamo come vien fuori l’emendamento”. Ma Alfano alza ancora il prezzo e sottolinea che ora bisogna  “intervenire per distanziare sempre più, da un punto di vista tecnico”, le unioni civili dal matrimonio.

aaaaunioniocivili

Matteo Renzi: “Chiudiamo in fretta e poi subito alla Camera”

“La mia proposta è che si chiuda la legge entro la settimana, rapidissimamente, un provvedimento sulle unioni civili al Senato e poi andare immediatamente alla Camera”. Lo ha detto il presidente del consiglio Matteo Renzi questa mattina, 23 febbraio, a Rtl 102.5, a proposito delle unioni civili. “Potrebbe non essere il testo migliore rispetto alle attese di tanti”, ha aggiunto, “ma potendo scegliere tra il tutto mai e un pezzo oggi è meglio fare subito la legge, altrimenti il rischio è la paralisi, l’ennesima palude”.

aaaarenzi

Intesa con Ncd “perché i grillini non sono affidabili”

Dunque pare confermato lo stralcio della stepchild adoption dal ddl Cirinnà dopo il rinvio della settimana scorsa e il ricorso alla fiducia. Frutto, questa impostazione, almeno nella prima parte, dell’intesa con i partner di maggioranza di Ncd “perché i grillini non sono affidabili”. Sembra che si andrà anche verso il maxi emendamento, sul quale mettere la fiducia, che oltre a non contenere norme sulle adozioni prevederebbe altri “piccoli aggiustamenti” mantenendo i diritti del codice civile estesi anche alle coppie gay.

aaaamarcucci

Le posizioni prevalenti in parlamento

Per Andrea Marcucci (nella foto sopra), senatore Pd, occorre continuare con la “battaglia su tutte adozioni con altro disegno legge”. Il parlamentare, già autore dell’emendamento “canguro” bocciato dai 5 stelle, lo ha scritto su Twitter. Soddisfatto Angelino Alfano. “Sta prevalendo il buon senso”, ha detto il ministro dell’Interno a proposito delle adozioni aggiungendo: “Sì ai diritti per le coppie anche omosessuali, ma non mettiamo di mezzo i bambini, che hanno bisogno di un papà e una mamma”.

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto