Roma: crolla una palazzina in centro, 110 evacuati

Gli avevano detto di stare tranquilli, invece – la notte scorsa – una palazzina di quattro piani è parzialmente crollata in una zona centralissima della capitale: via della Farnesina 4, nella zona di Ponte Milvio, quartiere a nord di Roma. Secondo quanto si apprende non ci sarebbero vittime né feriti. La palazzina era stata fatta evacuare soltanto nella serata di ieri dai vigili del fuoco. Per fortuna. Aperta un’inchiesta della Procura per accertare eventuali responsabilità. L’ipotesi più accreditata è che si tratti di infiltrazioni d’acqua. Sono 110 le persone evacuate. La zona è distante pochi chilometri da quella del Flaminio crollato poco tempo fa.

a-capitaleuno

Un sopralluogo anche ieri mattina
In realtà, già nella mattinata di ieri i vigili del fuoco avevano effettuato un sopralluogo nei pressi del palazzo che si trova all’inizio di via della Farnesina, vicino alla chiesa Gran Madre di Dio, non molto distante da Ponte Milvio e dalla sede del ministero degli Esteri. Nel corso del sopralluogo erano state riscontrate lesioni e fessurazioni dello stabile e si era deciso di monitorare la situazione.

Nella serata le lesioni si sono aggravate e i vigili del fuco hanno deciso di evacuare non solo il palazzo ma anche alcuni stabili adiacenti.

a-capitaledue

La versione dei condomini: “Ci avevano detto di restare”

Le versioni sulla difficile nottata sono, però, contrastanti. Era stato dato l’ordine di evacuazione solo ad una parte dei condomini che abitavano nel palazzo parzialmente crollato in via della Farnesina, a Roma.

È quanto hanno riferito gli stessi abitanti del palazzo, ribadendo più volte che l’ordine di sgombero aveva riguardato gli inquilini del lato dello stabile che è rimasto in piedi e non di quello che è crollato.

Un primo sopralluogo a mezzogiorno di ieri

“A mezzogiorno – racconta un abitante del palazzo accanto – c’è stato un primo sopralluogo e i vigili hanno trovato una grossa crepa al piano terra e hanno dato l’ordine di evacuazioneda chi abitava nella parte davanti del palazzo, dicendo che quello dietro era sicuro”.

Nel pomeriggio, però – dicono sempre gli abitanti dei palazzi vicini – alcuni inquilini hanno fatto un sopralluogo nella parte posteriore notando ulteriori crepe. 

”Abbiamo chiamato più volte i pompieri ma non sono venuti – dice una donna che abita nella parte del palazzo evacuata, mostrando l’ordine di sgombero – sono degli irresponsabili, hanno rischiato di far morire delle persone. Dicevano che quella parte era sicura”.

All’una di notte è iniziata la fuga

Attorno all’una di notte i rumori nel palazzo si sono fatti sempre più frequenti tanto che chi era rimasto ha iniziato a scappare.

“Ho sentito degli scricchiolii fortissimi e poi tanta, tantissima acqua che scorreva – racconta un’altra inquilina – non riuscivo ad uscire, il portone era già bloccato. Siamo riusciti ad andare via dal giardino e poco dopo il palazzo è venuto giù. Ora non esiste più e mi hanno detto che potevo dormire lì”. Nella parte del palazzo crollata – sempre secondo il racconto di alcuni abitanti degli edifici accanto, nella serata di ieri, c’erano almeno cinque persone in tre diversi appartamenti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto