Hanno paura come la Jolie e si fanno asportare il seno: boom negli Usa

Sembra quasi impossibile a credersi, eppure è così. Aumentano le mastectomie negli Usa, sia dopo una diagnosi di tumore del seno, che a scopo “preventivo”: queste ultime sono addirittura raddoppiate negli ultimi 7 anni. Si parla di un “effetto Angelina Jolie“.

Cresce anche il ricorso agli interventi di mastectomia, anche quando secondo i medici le pazienti potrebbero scegliere operazioni di “quadrectomia” più limitate: sono cresciute del 36% .

L’impennata degli interventi estremi

A rivelare i clamorosi dati sull’impennata di interventi estremi, pur a fronte di un tasso di diagnosi di questi tumori che è rimasto stabile, sono i ricercatori del ministero della Sanita Usa.

aaaabrad

Le masterectomie cresciute del 36%

Tra il 2005 ed il 2013 – dice il rapporto – le donne che hanno avuto mastectomie singole o doppie è salito del 36%, quello delle mastectomie doppie è più che triplicato.

La scelta delle doppie mastectomie tra donne che non hanno avuto una diagnosi di tumore, ma vogliono prevenirlo per tendenze segnalate dal Dna, proprio come ha fatto l’attrice Angelina Jolie (nella foto qui sopra con Brad Pitt), è più che raddoppiata nello stesso periodo: passando da due donne ogni 100.000 nel 2005, a 4 nel 2013.

 

Sempre più spesso operate in day hospital

Secondo il direttore del dipartimento che ha preparato il rapporto, Rick Kronick, quste procedure radicali vengono inoltre effettuate in misura crescente in day-hospital.

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto