Giocattoli al piombo: l’allarme degli esperti per Natale

Tra le cose che i genitori dovranno controllare sui giocattoli e gioielli-giocattolo che i loro figli riceveranno a Natale, non c’è solo l’età del piccolo, se hanno pezzetti che possono essere ingoiati o inalati, ma anche se contengono piombo. Invisibile e inodore, è infatti molto pericoloso. Per questo i Centers for disease control (Cdc) hanno pubblicato sul loro sito alcuni consigli e accorgimenti.

Metallo presente anche nella plastica

Lo hanno fatto perché i bambini possono essere esposti a questo metallo semplicemente maneggiando il giocattolo o mettendolo in bocca. Il piombo può essere presente in molti giocattoli, soprattutto quelli importati o antichi, nelle loro vernici e anche nella plastica, in cui viene usato per ammorbidirla e renderla più flessibile. Può dunque essere presente in giocattoli di plastica per rendere più stabili le molecole rispetto al calore.

Effetti anche gravi i livelli aumentano

Indossare gioielli-giocattolo con piombo non può invece far alzare i livelli di piombo nel sangue, ma masticarli o succhiarli sì. In questo caso, bisogna togliere il gioiello e rivolgersi al medico che potrà fare un esame del sangue e raccomandare un eventuale trattamento. Non ci sono livelli sicuri di piombo nel sangue, precisano i Cdc, e molti bambini con livelli alti non mostrano sintomi. Man mano però che questi aumentano, si possono notare effetti sul comportamento e capacità di apprendimento.

Che fare quando un bambino è stato esposto

Per verificare se un giocattolo ha del piombo, l’unico modo è farlo testare da un laboratorio certificato. Sono disponibili anche test fai da te, ma che non mostrano la quantità di piombo presente e non si sa quanto siano affidabili nel rilevare piccole quantità. Se poi si pensa che il proprio bambino sia stato esposto al piombo, bisogna rimuovere immediatamente il giocattolo e fargli fare un esame del sangue.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto