Telepass: raddoppiano i canoni e Federconsumatori si rivolge all’Antitrust

Novità (e rincari) in vista per chi ha un contratto Telepass Premium e Premium extra, che saranno di fatto equiparati, ma costi in lievitazione anche per altri canoni. Per il primo, infatti, l’abbonamento mensile passa dagli attuali 0,78 euro a 1,5 euro, ma con un’estensione di servizi, che comprenderà il soccorso stradale sulle strade ordinarie in aggiunta a quello, già attivo, sulla rete autostradale. Aumenti anche per altre tipologie di contratti: per i clienti Telepass Family, il canone trimestrale passa da 2,33 a 4,5 euro mentre Telepass Twin aumenta (sempre su base trimestrale) da 4,13 a 6,3 euro.

Invariati solo i contratti standard

L’aumento, fanno sapere da Autostrade, non scatterà subito, ma per il 2016 la tariffa rimarrà quella ancora in vigore. Poi, fra un anno, i clienti potranno decidere se retrocedere al pacchetto standard, che non subisce variazioni di prezzo, oppure se confermare l’adesione all’extra. “Questa innovazione”, scrivono in una nota Autostrade, “determina per i clienti Telepass che sceglieranno di mantenere un contratto Premium un aumento del canone mensile e, al tempo stesso, consente una riduzione del canone rispetto al costo precedente del Premium extra”.

“Abbiamo colato un servizio limitato”

La società reagisce così a un articolo pubblicato dal quotidiano La Stampa in cui si scriveva della “sorpresa Telepass: il canone raddoppia da gennaio”. Invece, secondo Autostrade, si tratterebbe del perfezionamento di un servizio che, “limitato alle sole autostrade, aveva suscitato critiche, in quanto obbligava chi voleva assicurarsi anche fuori autostrada ad avere due contratti”.

Federconsumatori: “Pronta una denuncia all’Antitrust”

Federconsumatori promette battaglia contro Autostrade attraverso una denuncia all’Antitrust per abuso di posizione dominante. “Un operatore unico”, scrive infatti, “che in una posizione di netto e prevalente monopolio decide di disdettare i contratti in essere e di aumentare a suo piacimento le tariffe riferite ai Telepass, a nostro avviso rappresenta una grave violazione. A maggior ragione dal momento che le persone che utilizzano il Telepass (circa 8 milioni) di fatto saranno obbligate a recepire tale modica in quanto prive della possibilità di rivolgersi ad altri per avere tariffe migliori”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto