Pagavano un sedicenne in cambio di sesso: 4 arresti, c’è anche un poliziotto

Ci sono un poliziotto cinquantenne della scientifica di Bologna e un uomo di 48 anni dipendente dell’Istituto superiore di sanità tra i 4 arrestati (ai domiciliari) per rapporto sessuali a pagamento con un sedicenne. Gli altri 2 uomini raggiunti da ordine di custoria cautelare sono un volontario della Protezione civile di 44 anni e in lavoratori dell’Eni in mobilità di 57. L’inchiesta, coordinata dalla procura di Roma e condotta dalla sesta sezione della squadra mobile della capitale (quella che si occupa di reati contro le donne, i minori e le fasce deboli), ha messo in luce come il ragazzo, che aveva iniziato a prostituirsi 2 anni fa, versava in condizioni di disagio familiare.

Inchiesta partita su segnalazione dei servizi sociali

Gli accertamenti della magistratura, supportati anche da agenti di Napoli e Bologna, sono partiti su segnalazione degli assistenti sociali e sono proseguiti con tecniche d’indagine tradizionale e tecnologica, attraverso tabulati, intercettazioni telefoniche e georeferenziazione delle sim dei cellulari. Da ciò è emerso che il ragazzo, ottenuto un giro di clienti fissi che incontrava in alberghi, auto e appartamenti privati, arrivava a guadagnare tra i 700 e gli 800 euro al giorno. Gli appuntamenti venivano fissati via chat o per telefono.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto