Maschera alla placenta di pecora, come Victoria Beckham

Chi pensa che dalle pecore si possa ricavare solo della lana soffice sbaglia perché questi ovini possono fare qualcosa anche per la nostra bellezza. Arriva, infatti, dall’Australia una linea anti-età per donne dai 20 ai 70 anni che ha già conquistato i mercati asiatici e che ora si appresta a sbarcare anche in Italia. È stata presentata al Bologna Cosmoprof Worldwide, dove ogni anno si riunisce il mondo della cosmesi per illustrare le ultime tendenze.

 

Come Victoria Beckam

E farà di certo tendenza la maschera Chantelle, che racchiude il suo segreto nella placenta di pecora. Le vie della bellezza sono infinite e questo con la placenta di pecora è un trattamento all’avanguardia. Lo sa bene Victoria Beckam, a Los Angeles si sottoponeva presso lo studio di un dermatologo a un trattamento di bellezza a base di placenta di pecore Neozelandesi.

 

100% di placenta

Prodotta dalla Careline Australia Pty Ltd e premiata all’Expo Shangai 2010, Chantelle Bio Placenta contiene 100% di pura proteina di placenta ovina attiva, una ricca fonte di sostanze nutritive della pelle e stimolanti bio. L’estratto di placenta di pecora ha una forte azione anti-age e contribuisce a ridurre la pigmentazione inibendo il rilascio di melanina. Insieme ai semi di uva e alla vitamina E, forti ingredienti anti-ossidanti, aiuta a proteggere la pelle dall’invecchiamento precoce, aumentare la produzione di collagene e, quindi, a dare alla pelle un aspetto più giovane e più sano.

 

Depilarsi come Cleopatra

Un’idea rivoluzionaria ma antica, come antichissimo ma sempre efficace è il metodo di depilazione dolce di Pandhy’s, che utilizza la pasta di zucchero. Dieci anni fa la ditta ungherese ha recuperato una millenaria ricetta, che sembra utilizzasse anche Cleopatra, introducendo una novità per il benessere delle donne. La pasta di zucchero è un preparato naturale fatto di zucchero e acqua prodotto con un metodo brevettato senza aggiunta di limone. In questo modo, infatti, il prodotto ha una consistenza stabile che permette all’estetista di rimuoverlo facilmente. Una pasta ipoallergenica, che non irrita la pelle e che, secondo alcuni, i golosi potrebbero addirittura mangiare.

 

Scaldarsi le mani con il peperoncino

Non è invece commestibile la crema idratante scaldamani al peperoncino, altra novità “green” dell’azienda calabrese Arangara, che produce una linea di cosmetici 100% naturale che . I prodotti Arangara, nasce da un agrumeto affacciato sulla costa ionica coltivati in azienda agricola secondo un disciplinare basato sul rispetto dell’equilibrio e della biodiversità della natura. Tra i prodotti di Arangara c’è Lissìa, il sapone artigianale di oliva, interamente vegetale e arricchito da fragranze create con le essenze e gli estratti più pregiati. Fatto e tagliato a mano come facevano le nonne, Lissìa viene essiccato per otto settimane al sole e poi impacchettato nella carta del pane. Come Arangara che in dialetto calabrese vuol dire albero di arancio, così Lissìa prende il nome dalla lisciva, la sostanza nella quale il sapone solidificato comincia a galleggiare.

 

 

 

 

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto