Bilancio familiare: la guida per farlo con Excel (scarica)

Possiamo anche mettere in pratica tutti i consigli possibili sul risparmio; ma se non monitoriamo costantemente le nostre uscite monetarie, non riusciamo a renderci effettivamente conto di quanti soldi stiamo spendendo.
Il computer ci viene incontro in questo: il pacchetto Office installato su tutti i pc e Mac, per esempio, propone fogli di calcolo in cui è possibile applicare ogni genere di formula: somme matematiche, medie, ecc.; ordinando, per di più, i dati secondo i criteri ritenuti più opportuni (per data, per categoria di prodotto, in ordine crescente o decrescente di valore, ecc.).

Una pagina per ogni mese
Per avere la situazione mensile sempre a portata di mano, conviene creare una pagina di calcolo per ogni mese (qui il documento da scaricare con le voci precompilate). Si imposta la prima inserendo il nome del mese. Per crearne di uguali nei mesi successivi basta aprire quel file, cliccare con il tasto destro del mouse sul nome, e scegliere l’opzione “sposta/copia foglio”. In questo modo si verrà a creare una nuova pagina con le stesse voci, e si rinominerà automaticamente con il nome del mese successivo.

Inserisci anche le entrate, avrai il “saldo”
Se unitamente alle spese sostenute – evidenziate con segno negativo – si inseriscono anche le entrate (stipendi, compensi, riscossione affitti, ecc.) si ha al contempo una gestione economica e finanziaria; utilissima, quest’ultima, per ricavarne una sorta di bilancio infrannuale.

Decidi il grado di dettaglio delle voci da inserire
Più le spese da inserire sono dettagliate, più facile risulta ragionare su un eventuale risparmio delle stesse. Per esempio, se si inserisce la voce di spesa generica “alimentari”, non si è in grado di sapere quanto si è sborsato in termini di carne, o di pesce o frutta. Essere più dettagliati fa perdere un po’ più di tempo al momento, ma in ogni momento si avrà l’evidenza – mensile e annuale – dei soldi spesi per ciascuna voce.

La regola numero uno: precisione e costanza
Per riuscire davvero a contabilizzare ogni mese entrate e uscite, la regola principale da seguire è la costanza: a fine giornata – se quel giorno si sono sostenute delle spese , bisogna compilare le voci del foglio di calcolo, con le spese fatte. È quindi necessario sedersi, scontrino e bolletta alla mano, inserire ogni singola spesa, senza dimenticare nulla. L’operazione richiede dai 5 minuti ai 15 minuti, ma è fondamentale. In alternativa, a fine giornata, si possono conservare scontrini e ricevute in un cassetto, ed effettuare l’operazione a intervalli di una settimana. Più semplice è la compilazione del foglio delle entrate, che sono meno frequenti.


Voci associate a ciascun componente

Altra regola è quella ci cercare di caratterizzare le spese il più possibile, assegnandole al familiare interessato. In una famiglia composta da 4 persone, per esempio, le spese sostenute per l’iscrizione al corso sportivo di un figlio vanno intestate al figlio stesso. Così pure gli  euro spesi al bar per il caffè: soltanto così sarà possibile ragionare su un eventuale abbattimento di quel costo.

La fonte di pagamento
Soltanto inserendo la data di ogni singola spesa è possibile ricostruire le proprie operazioni contabili. Non solo. Per ogni entrata e uscita è bene inserire anche la fonte di pagamento o di incasso: così si fanno quadrare meglio anche i conti del c/c, e si capisce dove vanno a finire, per esempio, i soldi contanti prelevati settimanalmente.

Per avere il totale basta applicare il filtro
Ottenere la somma totale o per singole voci di spesa è semplice, a senza avere una conoscenza approfondita del programma di calcolo: basta evidenziare la riga dell’intestazione, cliccare con il tasto destro del mouse su Dati, Filtro, Filtro automatico e applicare il filtro. Accanto a ogni voce di spesa appare così una freccia verso il basso: cliccando su di essa, è possibile selezionare tutte le righe presenti nel file per ciascuna voce di spesa.
Per ottenere il totale, basta evidenziare le voci di spesa che si desidera quantificare e applicare la formula matematica della somma; o, ancora più semplice, guardare il risultato che il sistema propone in automatico in basso a destra.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto