My old lady, commedia delicata e fortissima (trailer)

La vecchia signora evocata dal titolo ha corpo, rughe e molta vita vissuta.

Si chiama Mathilde (Maggie Smith) e vive in una villa padronale al centro di Parigi. È casa sua anche se non è tecnicamente sua, visto che – ben quarantadue anni prima – è stata ceduta in una sorta di “nuda proprietà” . È casa sua perché quelle tante stanze non sono vuote di senso ma hanno ricordi e sono cariche di un affetto che ha coinvolto e travolto anche sua figlia Chloé (Kristin Scott Thomas). Eh già, perché la vecchia signora è gentilmente dominante, autoritaria con delicatezza, testimone con levità di una vita – la sua – che ha tenuto insieme le fibre di molte esistenze e che riguarda, in forma sostanziale e irrevocabile anche Mathias (Kevin Kline).

 

aaaaaoldpiccola

La vita nuova sperata da Mathias

Mathias ci spera in una vita nuova: ha ereditato la grandiosa dimora parigina ma scopre di aver ereditato anche la vecchia signora e l’impegno di mantenerla fino alla fine dei suoi giorni. Con lei si trova anche a dover fare i conti con il passato. Non sono memorie agevoli. Tutt’altro. Mathilda è una donna che ha colto ogni occasione offerta dalla vita ed è stata protagonista di un amore totale ed esclusivo che dura ancora.
Mathias scopre, con lei e grazie a lei, la dolorosa opportunità di illuminare una buia caverna di affetti ed emozioni che lo ha da sempre condizionato. Rivela a se stesso, nel confronto ironico e amaro con la vecchia signora, le sue fragilità, i dolori, il senso amaro dell’esistenza.

 

Sono nato con una camicia… di forza

In un monologo intenso, illuminato dalla bellezza dello scenario parigino, l’uomo enuncia la sua visione delle cose: “…Sono nato con la camicia… una camicia di forza. Ogni volta che qualcuno segue il suo cuore, a qualcun altro il cuore si spezza…L’amore è una materia limitata. Quando dai amore a una persona nuova, devi per forza toglierne ad un’altra”.
Commedia sentimentale dai risvolti drammatici, questa “My old lady”,  e dunque commedia a tutto tondo, in cui ironia, speranza e dramma si confondono per restituire pensiero e coinvolgimento. La vecchia signora non sfugge a un destino di sincerità e di confronto.

 

Anche Chloè recupera un rapporto

Nella sua bella vita – così lunga, così sapida di affetti e di emozioni – c’è stata speranza, euforia e malinconia. E ora, grazie all’incontro con Mathias, muove un ulteriore passo verso la sincerità. Anche nei confronti di Chloè, sua figlia, donna in ombra, dolorosamente convinta di non meritare amore e che, grazie al percorso buffo e drammatico che segna l’incontro tra lei e Mathias, recupera anche  la possibilità di un rapporto vivo con sua madre, la vecchia signora senza più maschere.
Mathilda e Chloè, madre e figlia, sono una coppia bizzarra. Prigioniere della stessa memoria, certamente. La differenza, a vantaggio di Mathilda, è che la sua memoria è stata illuminata dall’amore. Chloè è rimasta imbrigliata e soffocata dalla vita della madre, ne è stata colpita, ingrigita, spenta. Rinasce un po’ alla volta, Chloè, attraversando lo strappo emotivo che l’arrivo di Mathias ha creato. Bella, questa commedia. Delicata e fortissima.

 

Ecco il trailer

Qui potete vedere il trailer italiano di My old lady

Cast tecnico
Regia: Israel Horovitz
Sceneggiatura: Israel Horovitz
Musiche: Mark Orton
Fotografia: Michel Amathieu
Montaggio: Jacob Craycroft, Stephanie Ahn
Costumi: Jacqueline Bouchard

I protagonisti
Mathias Gold: Kevin Kline
Mathilde Girard: Maggie Smith
Monsieur Lefebvre: Dominique Pinon
Chloé Girard: Kristin Scott-Thomas
Dr. Florence Horowitz: Noémie Lvovsky
Philippe: Stéphane De Groodt
Jean-Christophe: Jean-Christophe Allais

La scheda del film

Titolo originale: My old ladyAnno: 2014
Nazione: Gran Bretagna/Stati Uniti d’America/Francia
Distribuzione: Eagle Pictures
Durata: 107 min
Data uscita in Italia: 20 novembre 2014
Genere: commedia

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto