Week end “africano”: 40 gradi al Sud, temporali nel Nord Italia

Un week end ”africano”, segnato da temperature che arriveranno a 40 gradi al Sud, ma con il rischio di piogge e isolati temporali al Nord.

Arriva la quarta ondata di calore africano che investe l’Italia in questa estate, che dovrebbe attenuarsi da lunedì prossimo, con l’apparizione di aria più fresca dal Nord Europa.

Spiegano i meteorologi del centro Epson Meteo: “Vivremo la quarta ondata di caldo intenso dell’estate, che si farà sentire soprattutto in Emilia Romagna, al Centro-Sud e nelle isole maggiori, con temperature che si spingeranno fino a 38-39 gradi.

Al Nord temperature più contenute

Il resto del Nord si manterrà ai margini dell’area interessata da queste bollenti correnti sahariane, quindi godrà di temperature più contenute, ma nel contempo dovrà anche fare i conti con un po’ di instabilità che favorirà la formazione di temporali principalmente sulle Alpi e più sporadicamente sulle pianure.

Più fresca la prossima settimana

”Si conferma – aggiungono da Epson Meteo – una breve attenuazione del caldo nel corso della prossima settimana grazie all’arrivo di correnti più fresche che si estenderanno a tutta la nostra Penisola a partire da lunedì sera. Questa diminuzione – sottolineano gli esperti – sarà nell’ordine anche di 10 gradi al Centrosud: calo più contenuto al Nord, dove partiamo da valori più bassi. La diminuzione termica sarà accompagnata da una fase instabile e temporalesca che coinvolgerà anche le regioni centro-meridionali”.

 

 

Le previsioni del 21 luglio

Temporali e piogge, anche torrenziali, su Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige e Veneto occidentale. Al Centro-Sud, invece, temperature infuocate. È il meteo per questo weekend, penultimo di luglio, che annuncia di spaccare in due il Paese e che, via via, avrà una situazione meteo sempre più simile, ma tendente al brutto.

Da lunedì peggiora anche al Sud

Vediamo dunque l’evoluzione per le prossime ore, quando la temperatura si manterrà in molte zone d’Italia sui 37-38 gradi. Poi da ovest inizierà a soffiare un vento che farà calare la colonnina di mercurio, ma lentamente. L’origine è nord-atlantica e la variazione climatica, che lambirà fino a 10 gradi in meno, porterà problemi crescenti. Tra questi rovesci (non sono escluse bombe d’acqua) che dall’inizio della settimana prossima si estenderanno anche ai rilievi dell’Appennino meridionale.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto