La Moretti torna “ladylike”: “Colpa di Renzi se ho perso, mi hanno vestita da ferrotranviere”

Lei non ci sta a essere ricordata come l’artefice del peggior fallimento del centrosinistra nella storia. Così Alessandra Moretti, candidata sconfitta nella corsa alla presidenza del Veneto, cerca “colpevoli” e ne individua due, anzi tre: Matteo Renzi, il cui governo non è piaciuto ai suoi concittadini, se stessa per non aver marcato abbastanza le distanze dall’esecutivo che pur lei, da renziana, ha sostenuto e soprattutto i suoi comunicatori, che in campagna elettorale, l’hanno vestita “con un look castigato, da ferrotranviere” volendo far dimenticare quell’immagine da “ladylike” che si era guadagnata a suon di riferimenti a estetica, parrucchieri e cura del corpo.

Bordate a Renzi e ai sindacati

La democratica ne ha parlato domenica scorsa alla alla festa del Partito democratico del quartiere Saval di Verona e ha esordito dicendo che “stasera voglio togliermi qualche sassolino dalle scarpe”. Tra una botta a Renzi, racconta il Corriere del Veneto, che “ha messo in piedi non una ma quattro riforme alla vigilia del voto penalizzandoci” e un’altra ai sindacati (“La Camusso è venuta in Veneto a dire di votare scheda bianca”), la croce più pesante della sconfitta la getta addosso all’agenzia di comunicazione (la stessa che in passato si è occupata anche di Matteo Renzi) che l’ha seguita in campagna elettorale.

aaamoretti2

“Hanno dato un’immagine di me non credibile”

“La mia campagna elettorale è stata completamente sbagliata”, ha affermato Alessandra Moretti, “non mi hanno fatto quasi mai andare in televisione dicendo che ero sovraesposta, proprio mentre Zaia era su ogni canale”. Poi il riferimento alla divisa da ferrotranviere imposta dai suoi comunicatori che “in definitiva, hanno cercato di dare un’immagine di me che non era credibile, quella non ero io”. Sbagliato per l’esponente del Pd anche il giro in oltre 500 comuni veneti. “Un inutile e massacrante tour de force”.

Torna la politica fashion: “O devo forse mettermi il burka?”

E allora ecco l’annuncio: “Torna la vera Alessandra Moretti” che dai banchi dell’opposizione in Regione darà battaglia “dura ma leale” alla maggioranza leghista. Ma soprattutto che recupera quella ladylike che aveva chiuso in un armadio fino a fine maggio e che adesso vuole riproporre senza imbarazzi. “O devo forse mettermi il burka?” chiede a fine serata.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto