L’arrivo di Saturno: l’inganno di realtà e finzione nel libro di Loredana Lipperini

Un romanzo che intreccia il reale con un racconto di fantasia. È L’arrivo di Saturno (Bompiani, 432 pagine, 19 euro), il nuovo libro della giornalista e scrittrice Loredana Lipperini (nella foto sotto), voce di Fahrenheit (Radio3), che affronta la scomparsa della cronista Graziella De Palo, 24 anni, sparita il 2 settembre 1980 a Beirut con un collega più anziano, Italo Toni.

La storia reale

Dei giornalisti italiani, da allora, non si è saputo più niente. Solo due sono le certezze: nonostante i corpi non siano mai stati trovati, sono stati uccisi, probabilmente subito, e sulla loro sorte operarono i depistaggi dei servizi segreti militari italiani che avrebbero dovuto portare a processo due alti ufficiali, il capo del Sismi Giuseppe Santovito e il capocentro a Beirut Stefano Giovannone, mai condannati perché morti prima del giudizio.

L’intreccio di fantasia

La vicenda di fantasia si incentra invece su un pittore olandese di scarse fortune, Han van Meegeren, che accetta un incarico da un oscuro sconosciuto: dipingere in una ventosa cappella un Giudizio universale riconducibile a Jan Vermeer, il celebre autore della Ragazza con l’orecchino di perla. Due misteri, insomma, il primo dei quali ha incrociato davvero la vita di Loredana Lipperini, amica di Graziella De Palo (nella foto sotto).

“Noi volevamo essere ingannate”

“Noi volevamo essere ingannate, tutte e due”, scrive in proposito l’autrice, “Graziella dalla ricerca della verità, io dalla ricerca della finzione, che è parente stretta del falso anche se si chiama letteratura”.

Authors

Pubblicità

Commenti

Alto