American Horror Story: debutta alle 22,45 Hotel con un’inquietante Lady Gaga

Debutta questa sera, lunedì 21 dicembre su Sky (canele 112, 22,45) Hotel, il quinto capitolo di American Horror Story, la serie antologica creata da Ryan Murphy, già creatore di Glee, ambientata stavolta tra le mura di un inquietante albergo di Los Angeles.

 

Lady Gaga fa la contessa

Nelle vesti della proprietaria, un’affascinante contessa interpretata da Lady Gaga (nella foto grande) che fa il suo debutto sul piccolo schermo sostituendo Jessica Lange, l’attrice cardine dei precedenti capitoli.

 

È la volta dei vampiri

Come in ogni stagione, la serie riprende gli elementi tipici di un diverso genere horror, questa è la volta dei vampiri. Ma non ci sono mantelli, zanne o canini sporgenti.

aaamatt

L’elegante contessa tagliagole

L’elegantissima contessa è affetta da una forma di emofilia che la costringe a bere sangue umano rendendosi protagonista di vere e proprie mattanze grazie a un guanto speciale dal quale spunta un affilato artiglio che le permette di tagliare gole con un solo gesto, fermo e deciso.

Il suo personaggio ricorda la Catherine Deneuve di Miriam Si Sveglia a Mezzanotte con tanto di uscite serali alla ricerca di sesso di gruppo e una probabile immortalità da vampiro.

L’ambientazione è quella tipica dei luoghi simbolo dell’horror, l’albergo maledetto, che trova in Shining e nel Bates Motel di Psycho i suoi antecedenti più famosi.

A gravitare nell’hotel – oltre a Lady Gaga – ritroviamo lo storico cast della serie: Kathy Bates, Angela Bassett, Sarah Paulson (Carol), Evan Peters (X-Men), Chloë Sevigny (Bloodline, Big Love) e Wes Bentley (Hunger Games).

 

Anche l’astro nascente Matt Bomer

Dopo un piccolo ruolo nel precedente capitolo, American Horror Story-Freak Show, si aggiunge al cast anche l’astro nascente di Hollywood Matt Bomer (nella foto sopra con Lady Gaga), dopo i i successi di Magic Mike XXL, White Collar, The Normal Heart e Battle Creek. Annunciati anche i cameo di Darren Criss, Naomi Campbell, Madchen Amick e Max Greenfield.

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto