Usa: abusi sessuali su ginnaste minorenni, il coach si suicida in carcere

È stato trovato senza vita sabato sera, nella cella del carcere di Marion County (Indiana), Marvin Sharp (nella foto grande), 49 anni e coach di ginnastica professionista.

Sharp dal 24 agosto scorso era in carcere per abusi e molestie su minori.

Nuovi capi d’accusa con allieve di 6-7 anni

Lo scorso 14 settembre il dossier in mano ai procuratori federali si era arricchito di altri nove capi d’accusa pedopornografici risalenti al 2002 e riguardanti sei allive di 6-7 anni. “Queste minorenni sono state identificate come ex ginnaste allenate e fotografate da Sharp”: Darin Older, detective di Indianapolis assegnato alla task force dell’Fbi che si occupa di crimini violenti sui bambini.

aaaginnasta

Due future olimpioniche fra le sue allieve

Tra le ginnaste allenate dal coach figuravano anche le future olimpioniche Bridget Sloan (nella foto qui sopra) e Samantha Peszek, nella squadra Usa che vinse la medaglia d’argento a Pechino 2008.

Le accuse di una dodicenne

Tra le tante testimonianze dell’accusa la più dettagliata inchiodò Sharp alle sue responsabilità. Parla nel dettaglio di “attenzioni” reiterate, durate circa due anni. Sharp aveva ripetutamente fotografato l’adolescente in una stanza della palestra, “continuamente aggiustandomi la mia biancheria intima” come testimoniato dalla stessa vittima.

In una occasione era stata obbligata dall’allenatore a indossare una sorta di camicia di forza e a posare in modo provocante. “Se non avessi accettato”, ha alla fine raccontato in lacrime la dodicenne alla madre, “avevo paura che mi cacciasse fuori dalla palestra o che mi facesse del male”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto