Eurobasket: la Spagna di Pau Gasol (e del Ct italiano Sergio Scariolo) campione d’Europa

La Spagna di Pau Gasol (nella foto grande) e di un Commissario tecnico italiano, Sergio Scariolo (nella foto in basso), ha messo le mani sulla medaglia d’oro di questi combattuti e tutto sommato belli eurobsket. La finale tra Spagna e Lituania è finita  80-63.

Gasol ha chiuso la sua esibizione suparba con una stoppata e una tripla. Cosa chiedergli ancora? Per Scariolo è il terzo titolo consecutivo con la Spagna. Finiranno, ora, di criticarlo?

Per l’Italia una sola soddisfazione: ha battuto proprio la Spagna nel girone di qualificazione a Berlino. Ma è una consolazione abbastanza amara.

 

La Francia medaglia di bronzo

La Francia, intanto, ha battuto la Serbia e si  appropriata, tra le proteste dei serbi per l’arbitraggio, della maedaglia di bronzo. Strano, invece,  il destino di Scariolo. Dopo le prime partita era statp contestato dia media spagnoli. Ora gli chiederanno scusa?

L’Italia, nel girone di Berlino, ha battuto la Spagna, ma poi gli spagnoli sono cresciuti, mentre gli azzurri di Simome Pianigiani sono andati in calando. Comunque un italiano che vince c’è: è Sergo Scariolo (nella foto in basso).

aaascariolo

Serata di medaglie

Giornata di finali per l’eurobasket. Le prime a scendere in campo sono Francia e Serbia, con la medaglia di bronzo in palio. Entrambe potevano puntare all’oro, ma hanno trovato sulla loro strada squadre più forti di loro. Il bronzo è andato ai francesi, tra le proteste del coach serbo Djoedjevic per l’arbitraggio troppo favorevole ai padroni di casa.

La finale è iniziata, invece, alle 19 e si trovano di fronte Spagna e Lituania. Una partita che già si annuncia palpitante: oro e argento per una delle due. Diretta Sky (canale 103).

aaaalituaniadue

L’ascesa della Lituania e della Spagna fino alla finale

La Lituania a questi campionati europei si conferma fortissima e, al termine di una semifinale palpitante, batte la Serbia per 67 a 64 e domani si gioca la finale con la Spagna di Sergio Scariolo, che a sua volta ha battuto la Francia.

Spagna e Lituania hanno già conquistato il pass per le Olimpiadi di Rio. La finale si gioca domani, domenica 20 settembre, alle 19 (come sempre diretta sul canale 203 di Sky).

La Lituania ai quarti aveva battuto l’Italia all’overtime, dopo una partita condotta punto a punto. Stessa cosa fatta, ieri sera, contro i serbi, per spuntarla negli ultimi minuti, dopo che il risultato era stato in parità per tutta la bella partita.

 

Il bronzo va alla Francia sulla Serbia

La sconfitta della Serbias è netta, perché la partita con la Francia finisce 81-68. Il coach serbo Djoedjevic si fa fischiare anche un tecnico contestando il metro arbitrale (Simonovic tre falli dopo nemmeno 5′), troppo pro Francia a suo parere.
La resta il fatto che la Serbia è arriva stanca alla finale per il terzo e quarto posto.
Intanto la Francia festeggia davanti ai 24.000 spettatori dello stadio Pierre Mauroy: un terzo posto non è da buttare anche se c’erano aspettative supriori, visto che si giocava la fase finale in Francia. Ma Non si erano fatti però i conti con Pau Gasol, che gioca con la Spagna e non con la Francia.

 

 

La Repubblica Ceca al settimo posto (e ai tornei preolimpici)

Ma oggi c’è stato anche un altro risultato: la Repubblica Ceca ha battuto facilmente la Lettonia (97-70) acchiappando il settimo posto, che le dà il diritto di partecipare ai tornei preolimpici. La Lituania, stasera, non era favorita con la Serbai, ma è stata una vittorias di squadra. La finale per  la medaglia di bronzo si giocherà tra Francia e Serbia. L’italia se le ritroverà davanti, forse, nel torneo preolimpico.

 

Francesi fuori a sorpresa

 

Francesi fuori – a sorpresa – dalla finale degli europei di eurobasket, che si gioca proprio a casa loro. Ma ieri sera la Spagna di Pau Gasol e del contestato coach italiano Sergio Scariolo (che l’Italia aveva battuto nel girone di qualificaizone) ha eliminato la Francia all’overtime.

I francesi sono finiti ko 80-75 all’overtime al termine di una partita emozionante nella quale spicca la prestazione di un motivatissomo Gasol (nella foto grande), autore di 40 punti e di tre memorabili schiacciate nei minuti finali del supplementare.

L’altra finalista tra Serbia e Lituania si conoscerà oggi. L’Italia ha conquistato ieri, battendo la Repubblcia Ceca il diritto a partecipare al torneo pre-olimpico, ma – visto anche il successo della Spagna – sono molti i rimpianti per le occasioni perse dagli azzurri nella fase finale del torneo di Lille.

Battuta dagli azzurri la Repubblica Ceca

Dentro Della Valle e Polonara. Fuori Bargnani e Gallinari. L’Italia conquista un risultato che due anni fa non riuscì a trovare, perché finì ottava e fu esclusa da tutto. Stavolta, invece, insieme alla Gresce conclude l’europeo tra il quinto e il sesto posto e accede al torneo che, in caso di vittoria, riuscirà a dare diritto alle Olimpiadi di Rio.

Tutti gli azzurri hanno giocato un buon campionato europeo, anche se la Lituania ieri ci ha dato la solita mazzata.

Invece la partita con la Repubblica Ceca finisce con 15 punti di vantaggio: 85 a 70. Un ottimo risultato. Tutti i big si sono fatti valere e anche i “ragazzi” mandati in campo da Pianigiani alla fine.

 

Il presidente della Federazione italiana: “Tuti hanno fatto il loro dovere”

“Oggi sono sereno – commenta il presidente Federaszione italiana pallacanestro, Giovanni Petrucci -. Tutti hanno fatto il loro dovere. L’amarezza per la sconfitta di ieri c’è, ma oggi voglio vedere positivo perché l’Italia è in corsa per Rio e dobbiamo ricordarci dove eravamo qualche anno fa. Oggi abbiamo speranze ed entusiasmo che penso il basket non abbia mai avuto. Devo dire grazie ad una squadra straordinaria, ai tecnici, a tutto lo staff, ai collaboratori federali e ai medici che oggi meritano il primariato”.

 

aaaasimone

Pianigiani: “Orgoglioso dei miei ragazzi”

“Sono orgoglioso dei miei ragazzi – afferma Simone Pianigiani – per il risultato ottenuto e sono contento per diversi motivi.

Al torneo di Trieste non pensavo che fossimo in grado di proporre il basket che abbiamo interpretato a Berlino e pensavo anche che la Turchia fosse un passaggio chiave per andare a Lille non da quarti del girone. S

pagna e Serbia avevano e hanno qualcosa più di noi e questo significa essere riusciti a battere la Spagna, che è una squadra di livello superiore. Per un canestro potevamo rimanere a Berlino e invece abbiamo mostrato una bella faccia e una bella pallacanestro per tutto l’Europeo. Eravamo senza Gigi e con molti giocatori che hanno giocato su infortuni e nonostante tutto abbiamo dimostrato di aver creato qualcosa di buono. Credo sia giusto che nelle prime 4 squadre ci siano Francia, Spagna, Serbia e Lituania. Noi ci siamo creati un pertugio per infilarci tra queste Nazionali e ci abbiamo provato. Sono contento anche per il rapporto di fiducia che si è creato tra la squadra e tutto lo staff, uno staff attento e capace che ci ha permesso di lavorare nel migliore dei modi”.

 

All’inizio contro i cechi partita dura: le notizie del 17 settembre

Eurobasket: accanita come ieri, combattuta come ieri, difficile come ieri. Italia-Repubblcia Ceca arriva alla fine del primo quarto con una situazione di parità asosluta 21 a 21. Gli azzurri, che schierano subito tutti i big, riescono anche a staccare di due o tre punti gli avversari. Ma i cechi rientrano sempre e ripassano anche avanti.

Il primo quarto finisce così in parità. L’italia, come ieri, spesso sbaglia il colpo del ko e perde palloni che non dovrebbe perdere.

 

aaagallo

Nel secondo quarto uno strappo azzurro

Strappo in avanti azzurro nel seocndo tempo. L’Italia si ritrova a +5 già prima della fine del tempo e potrebbe incrementare il vantaggio, ma Alessandro Gentile, che pure ha realizzato fin qui ben 9 punti, commette un fallo molto “stupido”, che gli arbitri sanciscono con un “antisportivo”, che ci costa 3 punti. Stesso fallo era stato fischiato pochi minuti prima a Belinelli, seduto addirittura in panchina. Ma in termini di punti era andata meglio.

Il primo tempo finisce, comunque con l’Italia meritatamente in vantaggio, ancora di 5 punti: 42 a 37.

 

Nel terzo quarto il decollo dell’Italia

La squadra di Pianigiani decolla completamente nel terzo quarto. A dieci minuti dalla fine della partita, gli azzurri sono davanti di 20 punti. La partita sembra sotto controllo.

Dimenticavamo: gli italiani stasera giocano con la “loro” maglia azzurra e non con quella bianca, on cui hanno perso ieri sera con la Lituania.

 

Un’altra partita decisiva

Italia-Repubblica Ceca è un’altra delle tante partite decisive che ci sono state in questi europei. Ma Simone Pianigiani, il Ct azzurro, vuole mostrare subito che non ha nessuna intenzione di perdere la partita di stasera. Per questo gli azzurri dovrebbero scendere in campo con i big del quintetto base. Bargani, Belinelli e Gallinari.

Non ce l’hanno fatta con la Lituania

Non ce l’hanno fatta. Hanno inseguito, combattuto, provato a passare davanti lungo tutta la partita. Ma la Lituania si è confermata la bestia nera degli azzurri: 8 partite, 8 sconfitte. Non si può dire che una squadra come l’Italia, che è arrivata al supplementare, ha giocato male. La realtà è che in semifinale ci va la Lituania, che se la vedrà con la Serbia, mentre gli azzurri oggi – alle 18,30 – dovranno giocare contro la Repubblica Ceca per cercare di andare al girone di qualificazione alle Olimpiadi. La partita con la Lituania finisce con un punteggio bugiardo: 95 a 85, che non rappresenta il vero andamento del mathc. Ma i lituani non hanno rubato nulla.

 

La posta in palio contro la Repubblica Ceca

Difficile pensare che Belinelli, Bargnani, Gallinari, Aradori, Gentile e gli altri abbiano voglia di un’altra battaglia. Per di più dopo aver perso ogni speranza di mdaglia. Ma forse si impegneranno per lo stesso orgoglio, che hanno dimostrato in questo campionato europeo. Gallinari, del resto, lo ha detto che giocheranno ancora per vincere.

Contro i cechi, che ieri hanno resistito per tre quarti di partita alla Serbia, non sarà una passeggiata. Oltretutto chi vince la partita di oggi conquista l’accesso al torneo preolimpico. In caso di sconfitta, l’ultimo posto utile per il torneo che porta a Rio 2016 sarà la finale 7°-8° posto di domani, venerdì 18 settembre.

 

Pianigiani: “Ci voleva più cinismo contro la Lituania”

“Per vincere dovevamo essere più cinici e segnare alcuni tiri aperti previsti dal piano partita. Dovevamo segnarli non solo per i punti, ma anche per non rafforzare le certezze di una Lituania che stasera invece ha tirato col 61 da tre contro il nostro 29 per cento. Poi siamo stati penalizzati da un tipo di gioco molto duro, fatto di contatti sporchi e maliziosi oltre ogni previsione”: il ct azzurro Simone Pianigiani (nella foto qui sopra) ha commentato così la sconfitta e la relativa eliminazione dell’Italia dall’Europeo di basket.

“Ora siamo più o meno nella stessa situazione di due anni fa – ha concluso -. Abbiamo una partita fondamentale da vincere contro la Repubblica Ceca e per farlo dobbiamo recuperare tutte le forze, contarci e fare ancora un grande sforzo”.

 

 

Così si è arrivati all’overtime: le notizie del 16 settembre

Overtime: l’Italia si gioca la qualificazione alle semifinali con un tempo supplementare. Ancora una votla la squadra di Pianigiani ce la fa con un canestro di Gallinari, ma la partita è bellissima, piena di emozioni. Ognuna delle squadra va avanti e poi viene recuperata. La Lituania è implacabile e martella il canestro delgi azzurri. Ma l’Italia è in grado di ribattere colpo su colpo.

Si gioca il supplementare.

 

Difficicilissimo inizio per l’Italia

Difficilissimo inizio per l’Italia nel quarto di finale contro la Lituania. Gli azzurri (stasera, purtroppo, in maglia bianca) soffrono gli attacchi dlela Lituazionia, ma poi riescono a organizzarsi attorno al tiro di Belinelli, che ne infila uno dietro l’altro da tre con Belinelli. Poco incisivo Bargnani, che non è in perfette condizioni. Gallinari, Aradori e Gentile si fanno valere. Si combatte punto a punto. Il primo quarto finisce, inaspettatamente, soltanto 21 a 20 per la Lituania. Gli azzurri resistono e provano a contrattaccare.

Troppo facili gli attacchi per i lituani, che in area hanno segnato ben 16 punti. È una specie di miracolo che l’Italia sia ancora “attaccata” alla partita.

aaaabelinelli

L’Italia “scappa” all’inizio del secondo quarto

Riposano Gallinari e Belinelli nel seocndo quarto, ma lItalia con Aradori, Cinciarini e Bargnani da sotto riesce a passare in vantaggio. Gli azzurri accumulano 4/5 punti di vantaggio, ma poi c’è il ritorno della Lituania. Qualche errore di troppo nei rimbalzi d’attacco e il primo tempo dinisce 36-37 per la Lituania. la qualificazione è completamente aperta.

 

Azzurri da meno 8, poi vanno avanti

Gli azzurri sprofondano a meno 8 nel terzo quarto, ma – dopo un time out di Pianigiani – la squadra cambia completamente. L’Italia si porta avanti anche di 5 punti con i perfettk attacchi di Belinelli, Bargnani, Gallinari. M non riesce a chiudere il tempo in vantaggio, che finisce con la Lituania che sta un punto avanti: 60-59.

 

Pianigiani: “Non siamo gli underdog”

“Non partiamo e non dobbiamo sentirci sfavoriti”: Simoni Pianigiani, Ct dell’Italia che stasera affronta ai quati degli europei la Lituania, ci tiene a precisarlo. “Vogliamo giocarcela alla pari e non da ‘underdog’.  Due anni fa pagammo molto caro l’extra sforzo che ci permise di arrivare a due minuti dalla semifinale nonostante tante problematiche e tanti acciacchi.

Siamo di nuovo qui e oggi abbiamo tanta fiducia. Ci meritiamo di essere dove siamo; è un dato di fatto essere tra le più forti d’Europa ed essere considerati tali. Sarà una bella lotta per arrivare in semifinale anche perché ora sono rimaste in gara solo squadre top”. Da dire, però, che la Lituania è la bestia nera dell?itlia: nelle ultime sette partite giocat, gli azzurri non ne hanno vinta nessuna: 7-0 è il rapporto a dir poco antipatico. A pochi minuti dall’inizio l’impressione è che Bargnani sarà in campo, nel quintetto base, anche se con abbondanti fasciature sui muscoli che soffrono di un risentimento. Anche Belinelli sarà della partita. Ora i giocatori attendono solo il via.

 

Negli ultimi minuti pre-partita appare certa la presenza in campo di Marco Belinelli (nella foto qui sopra), per Andrea Bargnani si decide dopo il riscaldamento pre-partita: si vedrà come reagisce il muscolo e poi si sceglie. Ma, subito dopo pranzo, c’è chi lo ha incontrato dopo una seduta di tiro e lo ha visto sorridente. Buon segno.

 

Le chiavi della gara diverse rispetto a due anni fa

Italia e Lituania sono formazioni diverse rispetto al 2013, quando l’Italia venne buttata fuori ai quarti proprio dia  lituani. Orribile parallelo! Ma oggi sono diverse anche le chiavi della gara a livello tecnico e tattico.
“La Lituania – dice Pianigiani – è cambiata rispetto a due anni fa, ma nelle grandi competizioni c’è sempre. Ha giocato il mondiale in Spagna lo scorso anno e ha vinto il proprio girone nella prima fase di questo europeo. Da loro il basket è una religione e ho molto rispetto per una nazione che da sempre produce giocatori di altissimo livello”.

 

“Una squadra che tritura l’area…”

“Oggi – continua il Ct italiano – sono una squadra che ti va a triturare dentro l’area e proprio questa sarà la parola chiave: area. Dovremo proteggerla in difesa e aprirla in attacco senza buttare via palloni e cercando di controllare il ritmo partita. Macineranno in post basso con il 5, il 4 e il 3 e gli scontri saranno duri. Maciulis, giocatore migliorato tantissimo in questi anni, è il leader di una squadra che ha un’identità più chiara rispetto a quando, con i Lavrinovic ad esempio, poteva contare su una doppia dimensione”.

 

aaabargnanitweet

“Su Bargnani non faccio pretattica, gioca solo se sta bene

“Se ci sarà Bargnani? Sono onesto e non faccio pretattica: dipenderà da come starà domani sera. Sarà una decisione dell’ultimo minuto. La fiducia che abbiamo deriva anche dall’aver giocato e superato un girone durissimo”. Ma questo è un passo indietro, rispetto al tweet del 14 settembre di Italbasket che diceva “esami con esito negativo” e parlava solo di un “risentimento muscolare”:

 

Serbia-Repubblica Ceca: 21-21 dopo il primo quarto

Nel pomeriggio, alle 18,30, si gioca la partita tra Serbia e Repubblica Ceca. Da questa partita uscirà la squadra che incontrerà in semifinale la vincente tra Italia e Lituania. I tifosi degli azzurri la seguiranno, quindi, con particolare attenzione. La Serbia è favorita, ma la Repubblica Ceca non è una squadretta. La Serbia, nel girone, ha battuto un’Italia ormai stanca e demotivata. Nessun confronto, invece, in questo campionato europeo con la Repubblica Ceca, che ha eliminato agli ottavi la temibile Croazia.

aaaaschilb

E quanto sono forti i cechi lo mostrano all’inizio della parttia con la Serbia, portandosi subito in vantaggio. I serbi devono ritrovare concentrazione per chiuder eil primo quarto con un pareggio: 21 a 21. Ottima l’incidenza sulla partita del ceco Schilb, nato e che gioca negli Usa, ma ha la cittadinanza della Repubblcia Ceca (nella foto) e del serbo Markovic: un campione per parte. E non si tratta di uno soltanto.

Bello e combattuto anche il seocndo quarto. La Repubblica Ceca rimonta sempre, quando viene staccata. Il primo tempo finisce con soli 3 punti per la Serbia: 45-42.

aaasasha

Sulla panchina serba freme Sasha Djordevic, (nella foto qui sopra), l’allenatore che da campione di basket ha passato metà della sua vita sportiva in Italia.

La Serbia non riesce a chiudere la partita. I cechi si rifanno sempre sotto. A dieci minuti dalla fine solo 4 punti segnalano le due squadre: 67 a 63.

La Repubblica Ceca, che a lungo si è opposta bene alla Serbia, cede nel finale. La sfida lancia i serbi in semifinale. Incontreranno la vincente di Itala-Lituania. La psrtita finisce con il punteggio di 89 a 75 per la Serbia. Semifinale meritata, anche se i cechi non hanno demeritato.

 

Spagna-Francia è la prima semifinale

La Spagna è la prima semifinalista agli europei di basket. La squadra di Sergio Scariolo ha battuto, ieri, la Grecia con un finale palpitante: 73-71. Pau Gasol (nella foto grande) in lunetta sbaglia uno dei due liberi, ma mancano solo due secondi e i greci non riescono a segnare da tre. Eppure erano loro i favoriti, mentre gli spagnoli fin qui sono stati una squadra discussa. Una semifinale già c’è. È la prestigiosa Francia-Spagna. E stasera alle 21 tocca all’Italia contro la Lituania conquistarsi un psoto fra le prime quattro. La partita, come sempre, in diretta Sky (canale dedicato agli europei sul 203 del telecomando della tv satellitare)

aaascariolo

La Grecia ha tenuto d’occhio la Spagna da presso. Ma – nei momenti chiave – Pau Gasol è stato immenso, mettendo nella retina 27 punti e servendo assist a tutti. Scariolo (nella foto sopra) è stato molto discusso in Spagna dopo le prime partite del Girone B. Stasera può essere soddisfatto.

In serata si è giocata poi un’altra partita importante per scegliere una semifinalista: Francia-Lettonia. Francesi favoritissimi.

 

La Francia liquida la Lettonia

E, infatti, nell’incontro serale accade tutto quello che era stato previsto. La formidabile squadra francese non lascia spazio alla Lettonia e chiude la partita con un 84-70 che rappresneta bene la differenza di valori in cmapo. La prina semifinale è decisa a questo punto. Sarà un’appassionante Francia-Spagna, con i transalpini – campioni uscenti – ancora favoriti. Ma la Spagna di stasera ha mostrtao che può battersi fino alla vittoria a sorpresa.

Le notizie dei giorni scorsi su Bargnani

Ci sarà. Dopo la preoccupazione iniziale, arriva la conferma che Andrea Bargnani scenderà in campo stasera, alle 21, quando la nazionale italiana incontrerà ai quarti di finale la Lituania per gli europei di basket 2015.

La conferma è arrivata ieri dopo il dubbio espresso dal Ct della nazionale, Simone Pianigiani, che riferendosi alle condizioni del Mago, aveva detto dopo il match: “Bisogna vedere cosa c’è. Ha sentito tirare, si è fermato subito. È preoccupato, ora andiamo a valutare”.Comunque, fino a ieri, la pretattica dello staff azzurro sul Mago è continiata. Si vedrà stasera quanto giocherà.

Grande è stata, comunque, la preoccupazione, perché un infortunio di quel tipo ha bloccato Bargnani per mezza stagione nell’Nba.

Il problema al polpaccio si è rivelato, per fortuna, minore rispetto al passato. Gli esami, infatti, hanno escluso conseguenze o questioni gravi e il referto parla di “un risentimento muscolare del gemello mediale destro”.

 

aaaalituani

Un pessimo precedente con la Lituania

 

Superata una preoccupazione, ne spunta un’altra. L’Italia ha un pessimo precedente con la Lituania agli europei. Dopo un girone di qualificazione brillante, inaffi, l’ultima volta fu spazzata via proprio dai lituani. Era il 19 settmbre del 2013 (qui sopra un’immagine di quella partita). Finì 81-77 per i lituani e gli azzurri dovettero fare le valigie. Ma quella era un’altra Lituania e – soprattutto – era un’Italia fragile e divisa. Dovrebbe andare diversamente, stavolta.

 

Fuori Datome: “È out al 100%”

Non giocherà, invece, di certo di Gigi Datome (“È out al 100%”). Ma l’allenatore è soddisfatto dalla prestazione dei suoi ragazzi, che ieri hanno spazzato via Israele vincendo per 82-52: “Abbiamo eseguito il piano partita alla perfezione. Gentile? Mi piace sottolineare la prova difensiva. Una presenza sui due lati del campo devastante”.

La partita contro Israele dominata dagli azzurri

Insomma, ieri l’incontro degli ottovi di finale si è trasformato in una inaspettata passeggiata per gli azzurri. Prima dell’incontro il Ct Pianigiani aveva messo le mani avanti: “Hanno un gioco che ti fa ammattire”. Il migliore in campo è stato Alessandro Gentile: 27 punti in 30 minuti con 5 rimbalzi e 9 falli subiti. Nel break che ha spaccato la partita ha giocato un ruolo importante anche Belinelli (14 con 4/8 da tre). Sono gli unici in doppia cifra, ma a referto (tranne l’infortunato Datome) vanno tutti. Alla fine 18/41 da due (43,9%), 11/30 da tre (36.7%), 46 rimbalzi e 21 assist. Per Israele 18/48 da due (37,5%), 3/8 da tre (37,5%) 36 rimbalzi e 16 assist. Miglior realizzatore Mekel con 20 punti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto