Apple, un virus viola la sicurezza: la lista delle 40 app pericolose

Lunedì nero non solo per Skype, irraggiungibile dalla mattinata del 21 settembre, ma anche per Apple: 40 le applicazioni disponibili sull’Apple Store risultate compromesse da un virus in grado di rubare i dati dell’utente. L’attacco alla sicurezza alle app di casa Cupertino è rivolto soprattutto ai software cinesi, ma alcuni sono state scaricati e installati anche in Italia, come accade con WeChat. Va peggio negli Stati Uniti, dove è più diffusa l’applicazione CamCard che consente di scansionare i biglietti da visita.

Software in grado di rubare dati

L’infezione informatica si è diffusa attraverso l’installazione di un software che conteneva un malware in grado di agire in autonomia all’interno del dispositivo colpito. Oltre al furto dei dati, il programma è anche in grado di generare finti messaggi di Apple in cui si chiede di fornire la propria password, sul modello degli attacchi che vanno sotto il nome di phishing. Apple, venuta a conoscenza del problema, è giò corsa ai ripari.

Apple: “Abbiamo rimosso le app a rischio”

“Una falsa versione di uno di questi strumenti è stata rilasciata da fonti non sicure che potrebbe compromettere la sicurezza degli utenti attraverso applicazioni create con questo strumento contraffatto”, scrivono da Cupertino. “Per proteggere i nostri clienti, abbiamo rimosso dall’App Store le applicazioni che sappiamo essere state create con il software contraffatto e stiamo lavorando ora con gli sviluppatori per assicurarci che stiano utilizzando la versione corretta di Xcode per ricostruire le loro app”.

L’elenco dei software a rischio

Un paio di consigli per gli utenti: rimuovere le app sotto accusa di cui è stata pubblicata una lista completa e procedere al cambio delle password di sistema operativo e applicazioni.

Authors

Pubblicità

Commenti

Alto