Roma: parcheggiata su una barella per 7 giorni, anziana cade e muore

Ha trascorso 7 giorni su una barella parcheggiata al pronto soccorso del policlinico Tor Vergata, a Roma, e alla fine è morta cadendo a terra. È accaduto a una donna di 75 anni che aveva problemi gastrici. Sottoposta alle prime cure, le era stato detto di aspettare perché in reparto non c’era disponibilità di letti. Di certo non si attendeva di aspettare una settimana e di finire uccisa da un’emorragia cerebrale causata dal trauma cranico della caduta.

Aperto un fascicolo per omicidio colposo

Su questa vicenda la procura della capitale ha aperto un’inchiesta ipotizzando il reato di omicidio colposo dopo la denuncia dei familiari dell’anziana. Per ora non ci sono ancora indagati, ma gli inquirenti vogliono sapere se la settantacinquenne sia stata curata con la tempestività e l’attenzione che meritava. Inoltre i magistrati chiedono se sia normale per un paziente trascorrere sette giorni al pronto soccorso. E si è mossa anche la Regione Lazio che ora vuole “una relazione dettagliata su quanto accaduto e un audit clinico al direttore generale del nosocomio romano”.

La settimana scorsa un’altra caduta fatale

Un’altra caduta fatale era stata registrata la settimana scorsa. Allora un uomo di 67 anni doveva essere portato da una clinica privata al Gemelli, sempre a Roma. Ma durante il trasporto il portellone dell’ambulanza si è aperto e l’uomo è caduto insieme alla lettiga a cui era legato. Prima di morire, è stato 2 giorni in agonia. Anche in questo caso è stato aperto un fascicolo d’indagine.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto