Meteo: sciabolata vichinga sull’Italia, domani bora, temporali e grandine

L’estate scatta da oggi, ma non si assesta. Secondo le previsioni de ilmeteo.it è in arrvio per domani – venerdì 22 giugno – aria fredda da latitudini scandinave.

Punterà verso le Alpi ed entrerà nel Mediterraneo e quindi in Italia dalla Porta della Bora, attraverso quell’altipiano del Carso che troppo spesso in passato, come ora, si è dimostrato incapace di difendere l’Italia, un Paese aggredito ed abbandonato persino da quell’Anticiclone delle Azzorre una volta amico.

Grandine nel Triveneto

Sin dalle prime ore di Venerdì temporali e grandine dal Triveneto si propagheranno veloci, a macchia d’olio, verso la Lombardia orientale e tutta l’Emilia Romagna.
Poi, a mattina inoltratail maltempo si porterà poi su Toscana, Marche e Umbria; sospinte dagli impetuosi venti freddi di Boranel corso del pomeriggio le precipitazioni si accaniranno con particolare intensità su Marche, Abruzzo, Molise e in serata sulla Puglia con nubifragi o “bombe d’acqua” su Ancona, Pescara e San Benedetto del Tronto e poi Foggia, Bari, e trombe marine occasionalmente saranno visibili lungo le coste.

A seguire il colpo di grazia: le temperature crolleranno di 10 gradi. Ma da sabato, gradatamente, l’estate ritorna.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto