Da Zalone a Jeeg Robot: è pugliese la banca che ha sostenuto 11 film di successo

Ha sostenuto 11 film, alcuni dei quali hanno riscosso un notevole successo. Tra questi “Lo chiamavano Jeeg Robot”, fresco del David di Donatello, e poi quelli di Checco Zalone, che di premi non ne ha ricevuto, ma ha sbancato i botteghini con Quo Vado? Merito della Banca popolare di Bari che, a seconda del tipo di produzione, ha usato strumenti diversi per supportare il cinema.

aaaazalone

I prodotti nelle scene dei film

“Non è stato mio figlio”, “Latin lover”, “Un boss in salotto”, “Allacciate le cinture”, “Angeli – Una storia d’amore”, “Rex VII”, “L’amore è imperfetto”, “Educazione siberiana” e “Il passato è una terra straniera”. Questi i film sostenuti dalla banca pugliese che, in alcuni casi, come in quello di “Che bella giornata” di Zalone (nella foto sopra), che risale al 2011, ha individuato la strada del product placement, che ha comparire prodotti a marchio all’interno di alcune scene.

Risparmi fiscali per chi sostene il cinema

In altri casi – ed è quello di “Lo chiamavano Jeeg Robot” – lo strumento scelto dalla Banca popolare di Bari è quello del credit tax, che consente di compensare gli investimenti nel film con il carico fiscale che si deve all’erario. Ed ecco che così, dalla Puglia, è arrivato il sostegno necessario almeno in parte per pellicole che, una volta nelle sale, si sono fatte valere.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto