Neomamme e neopapà: in Svizzera allo studio un maxicongedo di 38 settimane

Trentotto settimane di congedo parentale da suddividere fra i due genitori: tante ne propone la Commissione federale di coordinamento per le questioni familiari basandosi su 140 studi scientifici pubblicati fra il 2010 e il 2017.

L’esperta: “Vantaggi anche per le aziende”

Il gruppo di lavoro prevede un minimo di 14 settimane per la madre e 8 per il padre. I due genitori si spartirebbero poi le 16 restanti a loro scelta. Il costo stimato si aggira fra il miliardo e il miliardo e mezzo di franchi l’anno. La presidente del gruppo di esperti, Anja Wyden Guelpa (nella foto sopra), ritiene che questa soluzione porterebbe benefici alla famiglia, alla salute e allo sviluppo del bambino, ma che costituirebbe anche un vantaggio per le imprese, che potrebbero attirare talenti non solo con incentivi salariali.

L’Unione padronale: “Eccessivo”

Il vicepresidente dell’Unione padronale, Jean-Marc Probst (sopra), parla però di “congedo eccessivo” dal finanziamento problematico. La decisione, sostiene, dovrebbe essere lasciata ai datori di lavoro.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto