Netflix: De Laurentiis propone un accordo col Napoli e con Microsoft

Col passare delle settimane si avvicina il momento dell’arrivo ufficiale di Netflix in Italia. Ma quando? E – soprattutto – come fare per vedere la nuova tv multinazionale in streaming?

In primo luogo c’è una schermata sul sito ufficiale di Netflix Italia, la trovate cliccando qui che vi farà avvertire per tempo. Basta lasciare la vostra mail, senza alcun impegno specifico da parte vostra.

Il costo base dell’abbonamento sarà a partire da 7,99 euro al mese.

 

aaasarandos

L’annuncio di investimenti di Sarandos

Inoltre Ted Sarandos (nella foto qui sopra), chief content officer di Netflix, in Italia nei giorni scorsi per l’Ischia global film fest, ha annunciato che l’azienda investirà 5 miliardi di dollari in programmi.

 

Anche la base italiana è in Olanda

Netflix, secondo le attuali intenzioni (ma non è detto che non cambino strada facendo) opererà in Italia soprattutto tramite “l’entità europea con base ad Amsterdam. Avremo pochi dipendenti locali per il marketing e le relazioni, e lavoreremo con i fornitori locali di banda larga”.

 

Un mese di prova gratis

In Italia il servizio on demand offrirà un mese di prova gratis.

 

La proposta di De Laurentiis

Ci sono anche altre cose in movimento. Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, vuole vedere se c’è un varco per un accordo tra Netflix e la sua squadra.

Approffitando della presenza a Ischia di Sarandos De Laurentiis ha ipotizzato una collaborazione a tre (c’era anche Paul Allen, boss di Microsof). Il presidente del Napoli da anni cerca di superare i confini del calcio di serie A italiano e con Allen e Sarandos ha quasi certamente battuto sul suo chiodo fisso.

Non sempre, però, alle ambizioni (grandissime) di De Laurentiis corrispondono i fatti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto