Cibi contaminati: nella lista nera di Coldiretti broccoli cinesi e basilico indiano

L’allarme arriva da Coldiretti: sui banchi dei mercati italiani ci sono cibi contaminati. L’elenco è contenuto in una blacklist presentata oggi, mercoledì 20 aprile, a Napoli in occasione della mobilitazione di migliaia di agricoltori a difesa della dieta mediterranea e tra i cibi a rischio ci sono in testa i broccoli provenienti dalla Cina, irregolari nel 92% dei casi, ma anche il prezzemolo del Vietnam (78% di irregolarità) e il basilico dall’India (60%).

aaaablacklist04

Lista basata sulle analisi della Efsa

Per redarre la lista si è partiti dalle analisi condotte dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nel rapporto 2015 sui residui dei fitosanitari in Europa. I prodotti cinesi sono i più pericolosi perché contengono micotossine, additivi e coloranti oltre i limiti di legge. Dal punto di vista quantitativo, su 2967 allarmi nel vecchio continente, 386 (il 15%) hanno riguardato il Paese asiatico.

Concentrato di pomodoro cinese sulla pizza

Paese che, verso la sola Italia, ha registrato un +379% delle esportazioni di concentrato di pomodoro spesso usato per preparare anche la pizza. Per questo prodotto sono stati raggiunti i 67 milioni di chili circa nel 2015, pari a circa il 10% della produzione nazionale in pomodoro fresco equivalente.

aaaablacklist03

Dall’Egitto la mente contaminata

Tra altri Paesi che esportano prodotti a rischio, c’è l’Egitto: il 33% dei suoi ortaggi sono fuori norma, così come l’11% delle fragole e il 5% delle arance che godono peraltro di agevolazioni dell’Unione Europea. Dalla Thailandia, inoltre, arriva il peperoncino e dal Kenia i piselli: nel 10% sono contaminati.

aaaablacklist02

In Marocco usati pesticidi vietati

In tema frutta, compaiono dalla Repubblica Dominicana meloni e cocomeri fuori norma nel 14% dei casi. Segue il 15% della menta del Marocco, dove sono consentiti pesticidi pericolosi per la salute e vietati in Europa.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto