Prima della Scala il 7 dicembre: “Misure straordinarie di sicurezza”

Misure straordinarie per la Prima della Scala, il prossimo 7 dicembre. A chiederle è il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, dopo l’allarme del Fbi sugli obiettivi sensibili in Italia trasmesso a Digos e Ros. “Contrariamente a quanto qualcuno mi aveva anche suggerito”, ha detto ancora Maroni, “io sono perché la Prima si tenga, ma trattandosi di un evento straordinario di portata mondiale, chiederò che ci siano straordinarie misure di sicurezza”.

Già predisposte nuove misure per la scala

“Con questo”, ha aggiunto il governatore lombardo, “non penso a una manifestazione blindata, ma alla solita festa che Milano ogni anno ospita, con le eventuali contestazioni che fanno parte della tradizione della prima”. E già i primi effetti si vedranno presto, fanno sapere dal Comune di Milano, con l’introduzione di “controlli di polizia all’ingresso”, oltre ad agenti delle forze dell’ordine a presidio dell’edificio e a metal detector negli ingressi che conducono al foyer.

Il sindaco di Milano: “Urgente il nuovo prefetto”

Palazzo Marino ha chiesto inoltre che polizia, carabinieri e militari impegnati nell’Expo vengano mantenuti destinandoli alla sorveglianza degli obiettivi sensibili. E ha aggiunto il sindaco Giuliano Pisapia: “La scelta del prefetto di Milano si fa ancora più impellente. Ci auguriamo che il governo interpelli noi e il sindaco”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto