Carrozza nera e 4 cavalli bianchi per l’addio a Moira Orfei

Ultimo saluto oggi a Moira Orfei a San Donà di Piave, in provincia di Venezia, dove la regina del circo è nata quasi 84 anni fa e dove – oggi pomeriggio –  sono stati celebrati i funerali iniziati intorno alle ore 15, in Duomo.

Una carrozza nera trainata da quattro cavalli bianchi: Moira è arrivata così per l’ultimo addio, tra centinaia di persone raccolte in piazza e altrettante che l’hanno accompagnata dalla camera ardente di piazza Indipendenza.

In mezzo gli applausi, le lacrime del suo mondo, quello del circo, giunto nella cittadina veneziana in cui – quando poteva – amava tornare. Tantissimi i fiori inviati da parenti, amici, gente comune e dai circhi di mezza Europa. Il sottofondo è stato quello delle marce circensi, intonate da unasorta di orchestrina.

 

Cremata per sua espressa volontà

Moira sarà cremata, per sua espressa volontà,  e le sue ceneri troveranno posto nella tomba di famiglia nel cimitero del paese veneto. Domenica scorsa, nel giorno della mrote, lo spettacolo del suo circo si è tenuto regolamente a Brescia, dove era in caretello e il pubblico le ha tributato – prima dell’inizio – un lunghissimo applauso durato dieci minuti.

 

È morta nella notte fra sabato e domenica

È morta Moira Orfei nella notte tra sabato e domenica a Brescia. È morta nella sua “casa mobile”; dove ha sempre vissuto. La regina del circo avrebbe compiuto 84 anni il prossimo 21 dicembre. Era anche un’attrice (prese parte a ben 49 film) e, in qualche periodo della sua lunga vita, è stata anche un popolare personaggio televisivo.

aaaamoiratre

Moira Orfei è stata trovata questa mattina nella sua casa mobile dai familiari.

 

aaaacircomoira

Stasera il Circo non cancella gli spettacoli

Il Circo Orfei che Moira insieme al marito Walter Nones ha guidato facendo divertire intere generazioni, per volontà dello stesso, dei figli e dei nipoti, ha deciso di non cancellare gli spettacoli di questa sera a Brescia.

Sono confermate anche le date di Milano della prossima settimana.

 

Qui un’intervista di Barbara D’Urso a Canale 5 nel 2010

 

Chi vi dice che ho 80 anni? Ne ho 65… (l’ultima intervista all’Agenzia Ansa)

 

È sopravvissuta all’ictus, agli elefanti che le sono cascati addosso, ma l’immagine che sicuramente la consacrò rimane quella scattata dal grande fotografo Mario De Biasi nel ’53 a Milano (è quella che vedete sotto in bianco e nero, lato b mozzafiato sotto gli occhi ammirati dei passanti).

aaaamoiraB

La foto venne ospitata al Guggenheim di New York per una retrospettiva dedicata all’Italia, The Italian Metamorphosis. Miranda Orfei, in arte Moira, ha festeggiato il 21 dicembre 2011 80 anni, ma in un’intervista con l’Ansa se ne toglie qualcuno : ”Non so chi vi abbia male informati, io ne compio 65 e non festeggio mai il mio compleanno”.

 

“La Regina del Circo sono sempre io”

Ma ci tiene a sottolineare che è sempre lei la ”regina” dei circensi. Circondata di attenzioni, Moira continua a essere protagonista del circo insieme al marito Walter Nones decide le tournee; controlla che tutto funzioni e vive sempre nel suo caravan.

Il suo look è inconfondibile: occhi marcati, rossetto rosa fucsia, cipria e il turbante in testa.

aaaaturbante

Fu Dino De Laurentiis a consigliarla di raccogliere i capelli in un turbante e chiamarsi Moira (come nella foto che vedete qui sopra).

Siamo agli albori degli anni ’60. Proprio in quel periodo Miranda intraprende la carriera cinematografica che la porterà ad apparire in 49 film: uno su tutti ”Signore & signori” del grande regista Pietro Germi.

Negli anni ’60 sposerà Walter Nones, conosciuto in Kuwait, e il suo circo crescerà tanto e in maniera tale da segnare alcune tappe importanti nella storia del Circo Italiano.

Signora Orfei, perché dopo tanti film mollò il cinema?

”Ho sempre fatto il cinema per incrementare il circo, il circo è sempre stato la mia vita”. T

Tra i divi del cinema aveva un gran numero di corteggiatori che ricordo ha di loro?

”Guardi, io ho lavorato con Mastroianni ed era un gran signore, Gassman uguale. Erano tutte persone perbene. L’unico che mi ha fatto un po’ di avance è stato Totò, che si era innamorato di me, e mi ha detto: ‘Se vieni sul letto con me, io ti accarezzo solo, non ti faccio niente, però ti regalo un appartamento… Eh…s i era insomma sbilanciato, per cui mi ero chiesta che cosa gli potessi dire per non offenderlo. Così gli ho detto: ‘Guardi, principe, se non fossi così innamorata di mio marito verrei subito con lei…”.

Cosa significa essere una donna di circo?

”Essere forti, e combattenti, io che sono la Regina del Circo ho sempre cercato di dare il massimo in tutto ciò che ho fatto”.

 

E per quante ore al giorno e per quanti anni è necessario allenarsi per giungere a risultati del genere?

”Ci si allena tutti i giorni per molte ore al giorno e per tutta la vita 365 giorni all’anno”.

Vive ancora nel suo caravan?

”È la mia casa, ho la fortuna di avere sempre davanti a me delle visuali diverse”.

Ha conosciuto capi di Stato e politici, qualcuno che è venuto ad assistere ai vostri spettacoli?

”Si ho un bellissimo ricordo di Sandro Pertini”.

Da oltre 30 anni appoggia i diritti dei gay…

”Io li amo e loro amano me, e mi sono sempre battuta per il matrimonio gay in Italia”.

Lei non ha mai nascosto le sue simpatie per Berlusconi, cosa pensa di Monti? 

”Monti non lo conosco e a Berlusconi gli sono grata soprattutto come imprenditore”.

Lei ha lavorato per quasi tutta la sua carriera con gli elefanti, fino all’infortunio?

”Anche dopo ma poi ho lavorato anche con le tigri, le foche e per molti anni con i colombi”.

Senza di lei che ne sara’ dell’impero Orfei? 

”Ci sarà mio figlio Stefano Nones Orfei e Brigitta Boccoli che sono davvero straordinari e che hanno dato una ventata di novità al circo introducendo il musical”.

Un’ultima curisosità, se permette :quanto ci mette a truccarsi e pettinarsi così? 

”Un paio di ore, ormai ci ho preso la mano dopo tanti anni’‘.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto