Sicurezza negli aeroporti: passeggeri schedati e tempi di imbarco più lunghi

Entro 3 settimane, quando si acquisterà un biglietto aereo, il nome del viaggiatore sarà incrociato con quanto contenuto nei database delle polizie. Lo anticipa il Corriere della Sera annunciando le modifiche che entro Natale saranno apportate alle norme di sicurezza negli aeroporti. Particolare attenzione sarà conferita – dicono fonti di Bruxeelles – ai Paesi dell’Europa orientale.

Più vigilantes a check in e imbarchi

Inoltre si farà uno storico dei voli che ciascun passeggero ha preso in passato: detto in altre parole, ogni passeggero sarà schedato. Dunque, se si vola verso o dalla Turchia per ragioni turistiche, si verrà comunque tenuti d’occhio con maggior intensità. Maggiore vigilanza inoltre ai check in e agli imbarchi, con la presenza di vigilantes ad hoc con un aumento dei tempi per i controlli.

L’Enac: “Meglio anticipare l’arrivo in aeroporto”

Anche l’Enac (l’Ente nazionale per l’aviazione civile) si sta adeguando e in proposito ha disposto “l’incremento delle proprie attività di vigilanza” negli aeroporti del Paese. Dunque “si rinnova l’invito ai passeggeri in partenza a recarsi negli aeroporti in anticipo rispetto ai tempi normalmente previsti”, aggiunge l’Enac.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto