Violenza donne: in casa è “privata” per 1 italiano su 3

Ancora una notizia sconcertante sul fronte delle vita quotidiana delle donne. Per un italiano su tre la violenza domestica è un fatto privato da risolvere all’interno della famiglia, per uno su 5 è accettabile denigrare una donna con uno sfottò a sfondo sessuale, uno su 10 pensa che se le donne non indossassero abiti provocanti non subirebbero violenza e uno su 4 è convinto che se una donna resta con il marito che la picchia, diventa lei stessa colpevole.

Il Rapporto Rosa Shoking

È il desolante quadro che emerge dal report “Rosa Shocking. Violenza, stereotipi… e altre questioni del genere”, realizzato da Intervita con il supporto di Ipsos e presentato oggi alla Camera alla presenza della presidente Laura Boldrini.

 

Ogni 3 giorni una donna viene uccisa

Nel report si ricorda che nonostante la nuova legge contro i femminicidi varata un anno fa, ogni tre giorni in Italia una donna viene uccisa dal partner, dall’ex o da un familiare. Di chi subisce violenza, solo il 7,2% denuncia l’accaduto.

 

Un milione di donne nella rete dei soprusi

In un anno più di un milione di donne finisce nella rete dei soprusi al maschile, che si ripetono più volte arrivando alla vergognosa cifra di 14 milioni di atti di violenza (dallo schiaffo allo stupro). Oltre 25 i casi al giorno di stalking. Secondo i calcoli di Intervita, comunque, c’è un aumento degli investimenti in prevenzione, che passano da 6,3 milioni di euro del 2012 a 16,1 milioni di euro nel 2013.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto