“Volete lavorare nella moda?”: 11 anni a Fusco, che adescava ragazzine

Pesante condanna per il fotografo Furio Fusco, 51 anni, accusato di aver adescato ragazze minorenni. Tra le accuse anche pornografia minorile, prostituzione e possesso di materiale pedopornografico.

Il fotografo romano prometteva alle giovanisisme (anche di 14/15 anni) un futuro nel mondo della moda e della televisione. L’uomo avvicinava giovani aveva dtao il via  aun tam tam, per cui gli arrivavano in studio ragazzine pronte a farsi fotografare nude o in pose osé.

 

aaafusco

Una condanna a 11 anni e 6 mesi

Il gup di Roma Monica Ciancio accogliendo le richieste del procuratore aggiunto Maria Monteleone e del pm Cristiana Macchiusi ha condannato Fusco (nella foto qui sopra) a 11 anni e 6 mesi di reclusione (ne erano stati chiesti 16 e 4 mesi), a 50mila euro di multa, al risarcimento danni a tre delle ragazze che si erano costituite parte civile con la provvisionale di 3.000 euro ciascuna.

 

Confiscato e distrutto il materiale pornografico

Il giudice inoltre ha disposto la confisca e la distruzione di tutto il materiale pedopornografico, anche in possesso dei difensori. Inoltre ha disposto il sequestro di tutta l’attrezzatura fotografica e informatica in possesso di Fusco destinandola ai carabinieri della IV sezione del Nucleo investigativo che hanno fatto le indagini. Il giudice ha anche revocato la licenza di fotografo a Fusco che non potrà più esercitare la sua professione.

 

In carcere dal luglio dell’anno scorso

Fusco, titolare di un’agenzia fotografica nei pressi di piazza Bologna, a Roma, finì in carcere nel luglio dello scorso anno. A svolgere le indagini sono stati i carabinieri anche con la collaborazione di un gruppo di ragazze, che si sono costituite parte civile nel procedimento e che avevano accettato le sue proposte, convinte che le promesse di entrare nel mondo della moda e della televisione sarebbero state mantenute.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto